Microfono sempre accesso sullo smartphone? Ecco come evitarlo

Basta seguire alcuni semplici passaggi per impedire alle applicazioni installate sul dispositivo di “restare in ascolto” e raccogliere informazioni

iPhone: cosa nasconde il tasto 'segreto' posto sul retro?
Un iPhone (Pixabay)
newsby Alessandro Bolzani1 Ottobre 2021


A volte capita di scaricare una nuova applicazione, aprirla per la prima volta e fornirle tutte le autorizzazioni di accesso che richiede, senza pensarci troppo. Così facendo però si rischia di dare il via libera alla raccolta di informazioni tramite il microfono dello smartphone, mettendo a rischio la propria privacy. In alcuni casi, inoltre, i dati personali potrebbero essere rivenduti a varie società per permettere loro di fare delle proposte commerciali più mirate. A lanciare l’allarme è il Garante della Privacy, che di recente ha avviato un’indagine su questo fenomeno, in seguito a un servizio sull’argomento di Striscia la Notizia e le segnalazioni di vari utenti.

L’intervento del Garante della Privacy

Secondo quanto riferito dal Garante della Privacy, molti fruitori lamentano il fatto che “basterebbe pronunciare alcune parole sui loro gusti, progetti, viaggi o semplici desideri per vedersi arrivare sul cellulare la pubblicità di un’auto, di un’agenzia turistica, di un prodotto cosmetico”. In collaborazione con il Nucleo speciale privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza, l’Autorità ha avviato un’istruttoria, che prevede l’esame di una serie di app tra le più scaricate e la verifica che l’informativa resa agli utenti sia chiara e trasparente e che sia stato correttamente acquisito il loro consenso.

Come impedire l’accesso di un’app al microfono su Android

Per modificare l’accesso di un’app al microfono (e ad altri componenti dello smartphone) gli utenti in possesso di un dispositivo Android non devono far altro che seguire una semplice procedura. Basta aprire le impostazioni, andare su “app e notifiche” (o un’altra voce simile), selezionare l’applicazione che si vuole modificare e toccare “autorizzazioni”: così facendo si può dare o togliere il proprio consenso alle varie impostazioni di autorizzazione.

Per le autorizzazioni relative a posizione, fotocamera e microfono è possibile scegliere tra alcune opzioni. Una di queste è “consenti sempre” e vale solo per l’accesso di un’app al gps. Un’altra è “autorizzate solo durante l’uso”, che, come suggerisce il nome, dà il via libera all’accesso solo quando l’utente sta effettivamente usando l’app in questione. Infine è possibile negare l’autorizzazione o far in modo che il software la richieda ogni volta che lo si avvia.

Come impedire l’accesso di un’app al microfono su iOS

Nel caso degli smartphone iOS, la procedura non è poi molto diversa. Gli utenti non devono fare altro che entrare in “Impostazioni” e selezionare “Privacy” per visualizzare tutti i permessi e l’elenco delle app autorizzate. Da questa schermata è possibile impedire l’accesso dei vari software al microfono, alla fotocamera, al Gps ecc.


Tag: Garante della Privacysmartphone