Che cos’è ChatGPT, l’intelligenza artificiale che spaventa Google

Il futuro delle intelligenze artificiali è già qui. Scopriamo come nasce ChatGPT e che cosa è in grado di fare questo software lanciato da OpenAI

Intelligenza artificiale
Immagine | Pixabay @Gerd Atlmann
newsby Andrea Zoccolan23 Gennaio 2023


Con ChatGPT siamo di fronte a un grande passo avanti nel mondo del machine learning. La nuova intelligenza artificiale sta infatti spaventando addirittura Google, per comprendere la portata del fenomeno. Ma che cos’è ChatGPT? Fondamentalmente si tratta di un chatbot, un software in grado di rispondere alle domande sostenendo una conversazione, come negli ultimi anni se ne sono visti moltissimi. Ma dimenticatevi le AI del passato, ChatGPT è in grado di affrontare (quasi) qualsiasi argomento, con una brillantezza e rapidità che è difficile realizzare di star conversando con un computer.

Machine learning
Immagine | Pixabay @Gordon Johnson

Che cos’è ChatGPT?

Ma scopriamo meglio cosa c’è dietro ChatGPT. I suoi ideatori fanno parte di Open AI, un’organizzazione di San Francisco che nasce con l’idea di promuovere e sviluppare le intelligenze artificiali. Utilizzare il software è semplicissimo, si accede con il proprio account Google o Microsoft e (per ora) si può chattare in maniera del tutto gratuita, sempre che il sito non sia sovraccarico, visto il grando numero di accessi di questo ultimo periodo. ChatGPT è in grado di funzionare grazie a una tecnologia chiamata NLP (Natural Language Processing) che permette alla macchina, attraverso l’elaborazione e la comprensione di testi scritti, di utilizzare le conoscenze acquisite per generare delle risposte e di fatto dialogare con l’utente.

Cosa può fare ChatGPT?

Ma al di là di conversazioni vaghe, con l’intento di mettere in difficoltà l’intelligenza artificiale, ad esempio chiedendo lumi su fatti di cronaca recenti, o del puro divertimento (ChatGPT ama i giochi di parole), come possiamo utlizzare questa incredibile intelligenza artificiale? Alcune funzionalità interessanti sono ad esempio quelle di formulare un testo che sia una lettera di presentazione per un lavoro, o ancora, strutturare un saggio scolastico. Probabilmente non ci troveremo di fronte a intuizioni da primo della classe, ma siamo abbastanza certi di poter ottenere una sufficienza, o una chiamata per un colloquio di lavoro.

Uomo computer
Immagine | Pixabay @Robinraj Premchand

Un’anteprima di futuro

Un’altra caratteristica peculiare di ChatGPT è la sua capacità di creare vere e proprie canzoni o versi di una poesia se richiesto, considerando anche il fatto che crea contenuti in addirittura 95 lingue diverse, con la possibilità anche di traduzioni. Qualche difficoltà in più invece sul piano della matematica, dove al di là delle nozioni più basilari, la nostra intelligenza artificiale va un po’ in difficoltà. Insomma, con alcune lacune e migliorie da effettuare, per un software che è stato lanciato solamente il 30 novembre 2022 e non ha ancora due mesi di vita, siamo davanti probabilmente all’alba di un qualcosa di nuovo, una rivoluzione che, nel bene e nel male, ci apre le porte verso un futuro forse non così lontano.


Tag: ChatGPTintelligenza artificiale