Superlega, non è finita: senti Andrea Agnelli, nuova frecciata

Agnelli è uno dei protagoniste di “SuperLeague: The war for football”
Agnelli è uno dei protagoniste di “SuperLeague: The war for football” (LaPresse)
newsby Danilo Perri13 Gennaio 2023


Andrea Agnelli è tornato a parlare della Superlega in un documentario sulla competizione uscito nella giornata di oggi

Da quando quasi due anni fa è trapelata l’intenzione di formare una nuova competizione con caratteristiche differenti ed un format pensato su criteri atipici, la Superlega ha incassato tutta una serie di spallate che ne hanno sostanzialmente azzerato le possibilità di riuscita.

Ad esprimersi per il no sulla formazione della Superlega, oltre a diverse centinaia di migliaia di tifosi sparsi lungo l’Europa, si è espressa negli ultimi mesi pure la Corte di giustizia dell’Unione Europea che l’ha vincolata ad una dimensione extra Uefa e Fifa alla quale naturalmente non aspirano Real Madrid, Barcellona e Juventus, le tre big che più delle altre hanno spinto verso questa direzione nuova. Anzi, Andrea Agnelli, da poco dimissionario del CdA bianconero è tornato a parlare della competizione che tanto ha fatto discutere.

Agnelli è tornato sulla Superlega all’interno del documentario confezionato da ‘AppleTv+’ (LaPresse)

Superlega, Agnelli nel documentario di ‘AppleTv+’: “Servono visionari”

Il presidente dimissionario della Juventus Andrea Agnelli è tornato sull’argomento sfruttando l’occasione concessa dal documentario di ‘AppleTv+’ “SuperLeague: The war for football”. Il documentario da oggi è a disposizione di tutti gli abbonati alla piattaforma.

La serie, suddivisa in quattro parti, come da descrizione “documenta la battaglia che si è scatenata quando è emerso il piano per la formazione di un campionato in rottura con il passato. Presente e futuro del calcio europeo si scontrano, con i leader più potenti del gioco a difendere o capovolgere le tradizioni di questo sport”.

Ebbene, nella docuserie è intervenuto anche Andrea Agnelli, che in questi mesi ha condotto una dura battaglia in favore della Superlega: “Posso capire le persone che si sentono deluse da un punto di vista personale ma non da quello istituzionale e aziendale. Nella mia famiglia si dice che ciò che è fatto bene può essere fatto ancora meglio. Penso che per capire il momento del calcio prima che sia troppo tardi sia necessario avere dei visionari nelle posizioni di comando. Ritengo necessaria un’industria sostenibile che offra stabilità a tutti i livelli. La disaffezione attuale è ovvia come la quantità di persone a favore della Superlega”.

Nel corso del documentario di ‘AppleTv+’ è intervenuto pure il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin che si è mostrato ancora guardingo rispetto alla situazione: “Gli squali stanno ancora nuotando. Il potere porta anche a persone con ideologie idiote”, ha tuonato il massimo dirigente del calcio europeo.

La notizia della volontà di creare una ‘Superlega’ è emersa il 19 aprile 2021. Nel corso della serata dodici club hanno manifestato la loro volontà di dare vita ad una nuova ‘creatura’: Real Madrid, Barcellona, Atletico, Juventus, Milan, Inter, Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Tottenham. Le proteste generatesi subito dopo hanno scoraggiato nel giro di pochi giorni nove di questi club.