Serie A, il futuro delle big è a rischio: la mazzata è definitiva

Serie A in crisi
Serie A - Newsby.it
newsby Vincenzo Maccarrone8 Dicembre 2022


Serie A, il futuro delle big è a rischio: la mazzata è definitiva. E’ un momento particolarmente delicato per il futuro del calcio italiano

E’ un momento difficile per il futuro del calcio italiano.  Un periodo che potrebbe fare da preludio a una drammatica crisi apparentemente senza via d’uscita. I conti e i bilanci delle società di vertice di quello che nonostante tutto è ancora lo sport più seguito e amato dagli italiani rischiano di sprofondare nel baratro e questa volta non è solo un modo di dire.

Serie A in crisi
Serie A – Newsby.it

La data spartiacque per le cosiddette big della nostra Serie A è giovedì 22 novembre, tra poco più di due settimane. Entro quel giorno infatti le società della massima serie dovranno versare, in un’unica soluzione, i debiti contratto con il fisco italiano in questi ultimi anni.

Si tratta, complessivamente, di una cifra di poco superiore ai 500 milioni di euro. Juventus, Inter, Lazio e Roma sono i club più esposti con l’Erario, dovendo corrispondere in quattro poco meno di un terzo della somma dovuta dall’intero blocco delle società di Serie A.

Serie A, il blitz di Lotito: tutto per far passare l’emendamento salva-calcio

Per evitare il salasso il presidente della Lazio e senatore di Forza Italia, Claudio Lotito, ha proposto di inserire un emendamento all’interno del Decreto Legge Aiuti Quater che consenta alle società di rateizzare il debito in un arco di tempo no inferiore ai cinque anni e senza sanzioni nei confronti dei club.

L’emendamento, che ha trovato le firme di esponenti sia dei partiti della maggioranza che del Partito Democratico, sembrava ormai avviato ad una facile approvazione sia in Consiglio dei Ministri che poi per la conversione in legge dai due rami del Parlamento.

Ma come una doccia fredda è arrivato l’inatteso e deciso stop. Il cosiddetto ‘emendamento Lotito’ è stato infatti bocciato sonoramente dal Ministro dello Sport, Andrea Abodi. Ma il responsabile del dicastero delle attività sportive non è l’unico ad aver impallinato la proposta formulata da Lotito.

Lotito nei guai
Claudio Lotito – Newsby.it

Anche l’ex deputato del Movimento Cinque Stelle, Alessandro Di Battista, ha attaccato duramente il patron biancoceleste: “Io sono laziale. Ma l’emendamento di Lotito per spalmare i debiti è una vergogna. L’economia sta andando a picco e si pensa a spalmare i debiti delle squadre di calcio. La Lazio? Muriqi non l’ho comprato io a 30 milioni!”.

Nel dettaglio, la misura aggiuntiva prevede (o prevedeva) di posticipare i debiti Irpef e Inps delle società sportive sospesi per tutto il 2022 a causa della pandemia. Ma se la maggioranza del Parlamento sembra favorevole a dare respiro alle società calcistiche, l’esecutivo presieduto da Giorgia Meloni non sarebbe disposto a privilegiare il calcio professionistico rispetto a tutti gli altri settori imprenditoriali ed economici della Nazione.

Serie A, l’emendamento Lotito sta per saltare: le conseguenze

Nel caso in cui la misura proposta da Lotito andasse incontro a una bocciatura senza appello, tutte le società dovrebbero versare la somma dovuta in un’unica soluzione e senza misure a compensazione. Il calcio italiano e la Serie A tremano e non è solo per i problemi attraversati dalla Juventus. Le prossime ore saranno comunque decisive in un senso o nell’altro.