Ritiro Hamilton, arriva l’annuncio ufficiale: la prossima stagione cambia tutto

Ritiro Hamilton Formula 1
Ritiro Hamilton, arriva l'annuncio ufficiale (Newsby.it)
newsby Federico Danesi29 Novembre 2022


Ritiro Hamilton, arriva l’annuncio ufficiale: la prossima stagione cambia tutto. La Formula 1 tornerà in pista a febbraio con molto novità

Basta guardare la storia recente, diciamo degli ultimi 25 anni, in Formula 1 per notare subito che ci sono corsi e ricorsi. La Ferrari ha dominato con Schumacher per 5 anni fino al 2004, poi il titolo di Raikkonen nel 2007 e più nulla. Sarà così anche per la Mercedes ora che Verstappen sta facendo piazza pulita? E l’era vincente di Lewis Hamilton è finita?

Ritiro Hamilton Formula 1
Ritiro Hamilton, arriva l’annuncio ufficiale (Newsby.it)

La Casa anglo-tedesca è rimasta decisamente spiazzata dal cambio dei regolamenti tecnici anche se come tutti gli altri ha avuto modo di prepararsi in tempo. Ma la W13 è nata male in fabbrica e in galleria del vento, era complicato sistemare tutto nel corso della stagione. E nonostante la grandissime esperienza del sette volte campione del mondo la Mercedes ha archiviato una stagione balorda, chiudendo solo al terzo posto tra i Costruttori battuta anche dalla Ferrari.

La storia, sempre quella, dice che tra il 1999 e oggi in pratica sono state tre le Case ad aver fatto piazza pulita: Maranello con 14 titoli iridati tra Piloti e Costruttori, Mercedes con 15 e Red Bull con 8. Il futuro perà è tutto da scrivere e molti tifosi temono che Lewis Hamilton possa prendere una decisione clamorosa se capirà non poter più essere vincente.

Ritiro Hamilton, arriva l’annuncio ufficiale: “Abbiamo ancora un po’ di lavoro da fare”

Il contratto del campione britannico con il suo attuale team andrà in scadenza nel 2023 e almeno per il momento le due parti non si sono ancora sedute al tavolo per scriverne uno nuovo. In fondo lui ha 37 anni, da 15 gareggia ai massimi livelli in Formula 1 e non ha più nulla da dimostrare.

Ecco perché questa volta tocca alla Mercedes dimostrare di essere degna di Lewis e non il contrario. La W14 che vedremo per la prima volta a febbraio sarà profondamente diversa dalla monoposto che ha gareggiato in questa stagione e che almeno fino all’estate ha avuto problemi enormi non solo dovuto al porpoising.

Hamilton quindi ha ancora fiducia nel lavoro dei suoi tecnici? Da quando ha chiuso la stagione ad Abu Dhabi, gara che negli ultimi due anni non gli ha portato molta fortuna, il britannico ha staccato con tutto e tutti come fa sempre per ricaricare le pile.

Hamilton Mercedes 2023
Hamilton non lascia la Mercedes (Newsby.it)

Ora però è stato intercettato dai cronisti del New York Times e ha dato una prima risposta. Una specie di annuncio ufficiale che vale fino a prova contraria. “Sono sicuro che non correrò in Formula 1 per sempre, ma qualcosa mi dice che la mia carriera non è ancora terminata. Devo solo continuare a spingere”.

Hamilton sa di non essere eterno in pista e conferma che quando lo capirà dirà basta decdicandosi alla famiglia e agli amici. Quel momento però non è ancora arrivato e quindi i suoi tifosi possono dormire sonni tranquilli. “Voglio correre in Formula 1 e rimanere insieme alla Mercedes. Abbiamo ancora un po’ di lavoro da fare”.

Ritiro Hamilton, arriva l’annuncio ufficiale: il contratto andrà in scadenza e Mercedes punta ad un ribasso

Sulla carta quindi è tutto a posto ma c’è ancora un dubbio legato al futuro del sette volte iridato. Lewis Hamilton andrà avanti solo se al suo fianco ci sarà ancora Toto Wolff e su questo aspetto non ci sono novità negative in arrivo.

Però è anche il pilota che guadagna nettamente più di tutti. Solo con lo stipendio porta a casa circa 40 milioni di euro all’anno, che fino a quando dominava erano considerati un prezzo corretto per la sua classe. E anche queso sarà oggetti di discussione in sede di rinnovo.

Lewis Hamilton resa ufficiale
Lewis Hamilton, il contrtatto è da rinnovare (Newsby.it)

L’idea di entrambe le parti è quella di andare avanti almeno fino al 2025 se non all’anno successivo. Ma se anche nella prossima stagione Mercedes dovesse fare fatica a battere Red Bull e Ferrarri, in Germania potrebbero chiedere a Hamilton di abbassare le sue pretese, aumentando magari la quota dei premi. Non il miglior modo per farsi benvolere.