Novak Djokovic ha deciso, sfiderà Jannik Sinner: c’è già una data

Novak Djokovic
Novak Djokovic , sfiderà tutti (Newsby.it)
newsby Federico Danesi1 Dicembre 2022


Novak Djokovic ha deciso, sfiderà Jannik Sinner: c’è già una data. Tempo di bilanci ma anche di programmi per i big del tennis mondiale

Uno ha chiuso nel miglior modo possibile la stagione, vincendo per la sesta volta le Nitto ATP Finals 2022. L’altro avrebbe voluto esserci e invece ha mancato il treno giusto per Torino. Ma le strade di Novak Djokovic e Jannik Sinner sono destinate ad incrociarsi ancora.

Novak Djokovic Jannik Sinner
Novak Djokovic ha deciso, sfiderà Jannik Sinner (Newsby.it)

Il campione serbo ha vissuto una stagione complicata, cominciata a gennaio con il clamoroso allontanamento dagli Australian Open come soggetto non gradito. Da allora Nole non si è mai vaccinato contro il Covid, ma il governo australiano ha già dato il via libera per la sua partecipazione al primo Slam del 2023.

Non è stato l’unico appuntamento che il serbo ha dovuto saltare, perché anche tutta la tournée americana estiva compresi gli US Open sempre per lo stesso motivo li ha vissuti da spettatore. Ora però sappiamo che potrà pianificare una stagione normale e ha già deciso dove debuttare.

Dopo un periodo di riposo, Djokovic gtornerà inj campo dal 2 gennaio nell’ATP 250 di Adelaide, in Australia. Con lui in tabellone ci saranno anche il russo Daniil Medvedev, già numero uno al mondo, il britannico Andy Murray ma anche Jannik Sinner. L’altoatesino lo ha anticipato un paio di settimane fa: Adelaide è la città natale del suo head coach, Darren Cahill, motivo in più per tornare in campo lì.

Novak Djokovic ha deciso, sfiderà Jannik Sinner:  il primo appuntamento è già fissato

La prossima stagione per Nole Djokovic ripartirà da numero 5 al mondo, piazzamento ATP con cui ha chiuso il 2022 dopo ilo trionfo di Torino, ma con l’obiettivo di tornare in testa. Carlos Alcaraz è un degno primo della classe, lui però vuole dimostrare di avere ancora molto da spendere.

Lo ha confermato anche dopo aver trionfato nella finale delle Finals a Torino, una vittoria che gli mancava da ben sei anni. Facendo un bilancio della stagione non ha potuto negare quello che ha scombinato tutti i suoi piani.

“Quanto successo in Australia ha inciso in modo pesante, ho dovuto concentrarmi per recuperare il mio tennis ma anche il mio equilibrio mentale. Ho faticato a ritrovare il mio tennis. Questo è accaduto per la prima volta proprio in Italia, a Roma. Lì ho iniziato a ritrovarmi”.

Poi è arrivata la vittoria a Wimbledon, dopo aver eliminato tra gli altri anche Jannik Sinner nei quarti e le ultime settimane sono state esaltanti, anche se ha perso la finale di Parigi Bercy da Rune. Ora penserà a tornare in testa alla classifica e prendersi qualche rivincita.

Djokovic Sinner Wimbledon
Novak Djokovic e Jannik Sinner a Wimbledon (Newsby.it)

“Nella mia testa mi vedo sempre come il migliore del mondo, ovviamente. Le ambizioni sono sempre alte”. E aveva spiegato di non avere pianificato quando terminerà la carriera: “Fino a quando avrò emozioni positive e sentirmi bene in campo e in allenamento andrò avanti. Questa è la mia vita ed è quello che sono. Ora come ora le cose funzionano bene per me, ma non sai mai cosa può capitare”.

Novak Djokovic e Jannik Sinner hanno lo stesso obiettivo: cominciare bene il 2023 per risalire la classifica mondiale

Se Djokovic ripartirà dalla posizione 5 per scalare fino alle 1 nel ranking, Jannik Sinner invece è uscito per poco dai primi 10 al mondo ma punta ad entrare in top five. Il finale del 2022 è stato amarissimo soprattutto per i problemi fisici accusati tra Sofia e Parigi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jannik Sinner (@janniksin)

Ora però è tutto alle spalle, anche se ha dovuto saltare la fase finale della Coppa Davis con l’Italia per rimettersi dal problema al dito accusato un mese fa. Come dimostra un video che ha postato su Instagram, si sta allenando duramente a Montecarlo e il suo obiettivo è di arrivare anche con un fisico più potenziato al via della stagione.

Intanto l’ATP ha stilato una classifica delle cinque partite più belle dell’anno e al primo posto ha messo quella tra Sinner e Alcaraz nei quarti di finale degli US Open. La vittoria dello spagnoloper 6-3 6-7 6-7 7-6 6-3 dopo oltre 5 ore di lotta sarà ricordata a lungo