La FIFA gode dopo il Qatar: c’è la rivoluzione che cambierà per sempre il calcio

Infantino sorride FIFA
Gianni Infantino sorride felice per la rivoluzione che può arrivare dopo i Mondiali in Qatar (LaPresse) Newsby.it
newsby Alessia Gentile18 Gennaio 2023


La FIFA si prepara a vedere attuata la rivoluzione che cambierà il calcio: l’iniziativa prende spunto dal Qatar. Ecco cosa può succedere.

La FIFA sorride per quello che può succedere adesso all’interno del calcio europeo. L’esempio è stato dato con i Mondiali tenuti in Qatar ormai già qualche tempo fa. E potrebbe fare adesso scuola nei maggiori campionati europei appunto e non solo. La rivoluzione, in questo senso, può cambiare per sempre il calcio.

Negli ultimi anni, tante sono state le novità che hanno cambiato in un modo o nell’altro il gioco del calcio. L’introduzione del VAR su tutte ha creato la possibilità di interpretare e di precisare le valutazioni in maniera fino a quel momento inimmaginabile. Questo strumento porta con sé ancora una serie di polemiche, ma è indubbio che abbia contribuito alla rivoluzione di questo sport.

In questo senso, anche l’ultima proposta pensata con i Mondiali in Qatar, potrebbe cambiare per sempre le modalità di gioco viste fino a questo momento. Nella giornata di oggi, mercoledì 18 gennaio 2023, nel corso della riunione IFAB si discuterà di tre possibili proposte relative a un problema in particolare: il tanto tempo perso nei 90′ di gioco, da parte dei giocatori e non solamente. Ecco allora cosa sta accadendo.

Infantino e arbitro in un cenno d'intesa FIFA
La FIFA ragiona sul cambiamento relativo al tempo di gioco delle gare nei campionati europei: le idee (LaPresse) Newsby.it

La FIFA gongola, la rivoluzione adesso potrebbe davvero accadere: l’idea arriva dal Qatar

Come riferito, quindi, da ‘FanPage.it’, adesso le regole relative al tempo di gioco di una partita di calcio potrebbero cambiare per sempre. Portando con sé una rivoluzione non da poco e prendendo spunto da quanto accaduto nei diversi match dei Mondiali in Qatar. “L”IFAB potrebbe, infatti, decidere per cambiare le modalità di misurare la durata di una partita, cambiando per sempre il modo di vivere e giocare a calcio”, si legge.

Dopo le introduzioni del VAR, del fuorigioco semiautomatico, del gol-non gol, si pensa perciò proprio al problema delle perdite di tempo. L’IFAB ha tre possibili idee tra cui scegliere la migliore da poter poi mettere in campo. La prima sarebbe relativa all’inasprimento delle sanzioni per chi, in campo, perde tempo in maniera immotivata. La seconda prenderebbe spunto proprio dai Mondiali in Qatar e prevederebbe l’allungamento delle gare anche di molti minuti.

Infine, per quanto riguarda la terza e ultima possibilità, si legge: “L’idea è decisamente innovativa, se non dirompente. Nella riunione IFAB verrà, infatti, discusso anche un cambiamento drastico, proponendo che il tempo di gioco venga misurato con un cronometro ‘start-stop’. Con un’idea prelevata da altri sport dove è già in atto da sempre, come il football americano e il basket”.