Pupo convive con la moglie e l’amante | “Ho tentato il suicidio”

Pupo non ha mai nascosto la sua particolare visione dell'amore, anche se tutto questo non è così semplice da gestire

Pupo Rai
Foto | Rai
newsby Ilaria Macchi14 Giugno 2022


Pupo non ha mai avuto mai fatto mistero del modo particolare con cui gestisce da tempo la sua vita privata. Il cantante, infatti, convive sia con la moglie “ufficiale”, Patrizia, sia con l’amante, anche se ormai da tempo non può più essere definita tale, Anna. Tutti e tre vivono sotto lo stesso tetto, senza che nessuna delle due donne sia infastidita dalla presenza della “rivale”.

L’artista toscano, però, non nasconde come portare avanti una situazione poliamorosa come questa non sia così semplice. Ed è per questo che invita chi sta pensando di seguire il suo esempio a pensarci bene.

Pupo e il poliamore – La sua particolare vita privata

“Sono come i sette Re di Roma. Difficile ricordare tutti i miei peccati – ha detto Pupo in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ -. Chiaramente ho desiderato la donna d’altri. Ho tradito spesso. Poi vado forte con la superbia. Sì, superbo e arrogante, anche se non sembra. La superbia mi ha salvato da un sacco di attacchi che avrebbero potuto minare la mia incolumità fisica e psicologica. Sì, un po’ di superbia non guasta”.

Pupo Rai
Foto | Rai

L’interprete di “Gelato al cioccolato” non ha mai nascosto di avere una vita privata davvero particolare. Lui, infatti, convive con due donne in maniera assolutamente trasparente. lui, però, non nasconde come questa situazione sia spesso complessa da gestire: “Mi invidiano. Fanno male. È un percorso che non ho scelto io. Perché è difficile. C’è sofferenza. È troppo facile liquidarlo così. Io oggi ho 67 anni, mia moglie Anna ne ha quasi 70, Patricia ne ha 62. Sto da 50 con la moglie, da 33 con l’amante”.

Chi pensa che tutto questo venga vissuto a cuor leggero per tutte le parti in causa, però, si sbaglia. Ed Enzo Ghinazzi (questo il suo vero nome) non ha mancato di sottolinearlo: E lei pensa che sia stata una cosa semplice? O che io possa consigliare alle mie tre figlie o a chiunque altro un rapporto pluri-amoroso come il mio? Ma non ci penso nemmeno. E’ invidia inutile perché le persone non sanno niente su quello che comporta affrontare percorsi di questo genere”.

Pupo Domenica In
Foto | Rai

Anzi, ci sono stati dei momenti in cui lui credeva davvero di non potercela fare e solo ora ha il coraggio di confessarlo. Nel 1989, infatti, lui è arrivato anche a tentare il suicidio, oppresso dai tanti debiti che aveva accumulato a causa del gioco. “Tornavo con la mia Jaguar riflettevo sulla mia condizione di… ricco coi debiti. Così avevo parcheggiato sulla piccola corsia d’emergenza del viadotto con l’idea di farla finita. Ero sconvolto, non vedevo vie d’uscita. Era notte, fra sabato e domenica, e i Tir non circolavano. Tutti meno uno: quello che mi sfiorò a un millimetro. Lo spostamento d’aria mosse la macchina di qualche centimetro e mi riportò alla ragione”.

 

 


Tag: Pupo