Leonardo Pieraccioni in difficoltà con la DAD: lo sfogo social

Il regista è alle prese con la scelta della scuola per la figlia Martina, che dal prossimo anno inizierà le medie. Ma lui e la tecnologia sembrano essere due mondi ben lontani

Leonardo Pieraccioni
newsby Ilaria Macchi30 Novembre 2020


 

Ormai da mesi gli studenti di tutte le età si trovano a dover avere a che fare con la DAD, la didattica a distanza, unico strumento indispensabile per fare lezione nelle zone del nostro Paese in cui le scuole risultano chiuse. A volte, però, anche la tecnologia nasconde qualche insidia, soprattutto per i meno esperti con dispositivi quali computer e smartphone: ne sa qualcosa anche Leonardo Pieraccioni, alle prese con la scelta della scuola media che dovrà frequentare la figlia Martina dal prossimo anno scolastico. Il regista e attore ha così utilizzato la sua consueta ironia per raccontare la sua difficoltà nel prendere parte agli Open Day organizzati solo in via telematica.

Leonardo Pieraccioni e la scelta della scuola per la figlia: non tutto è così semplice…

Aiutare i figli a scegliere la scuola da frequentare può non essere semplice, soprattutto in tempi di Covid e di restrizioni come quelle che siamo chiamati a seguire in questo periodo. Emblematico è quello che è accaduto a Leonardo Pieraccioni, che si trova costretto a valutare i vari istituti solo online. Gli Open Day, le iniziative organizzate per mostrare meglio la propria offerta formativa, possono infatti avvenire esclusivamente online. Un sistema che però non è così semplice da mettere in pratica per chi, come lui, non ha grande dimestichezza con la tecnologia.

Martina, la figlia di nove anni avuta dalla relazione con Laura Torrisi, ha infatti nove anni e dal prossimo anno inizierà le scuole medie. Anche in un frangente così particolare come questo il regista non ha perso la capacità di sdrammatizzare e ha raccontato la sua esperienza tramite i social: “Care scuole che fate gli Open Day telematici per scegliere la scuola media. Sappiate che c’è gente che la figliola l’ha fatta tardi ed ora a 55 anni ha la stessa dimestichezza on line di un bradipo in manette. La fate facile a scrivere ci vediamo su Meet! Ma icchellè Meet? Dammi un link diretto, dammi una frecciona con su scritto “Pigia qui fava lessa”. Io ci sono andato su Meet. Ho pigiato tutto icche c’era da pigiare e sono stato on line per 45 minuti con “Gruppo Caldaisti di Poggio Bustone!”. Tra l’altro mi sono piaciuti tantissimo e la mi’ figliola la iscrivo lì” – ha scritto l’artista toscano.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @leonardo_pieraccioni

La canzone di Natale di Pieraccioni

Anche Pieraccioni, al pari di altri colleghi, ama utilizzare i social per comunicare con i propri fan. Il tutto, ovviamente, con la sua consueta ironia. E lo ha fatto anche qualche giorno fa mostrandosi mentre è intento a suonare la chitarra e a interpretare una sua canzone, che vuole essere un augurio per Natale. Davvero significativo il titolo scelto: “Un Natale negativo”. Il riferimento è ovviamente alla negatività dal Covid.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @leonardo_pieraccioni

Tutto da ridere il commento a corredo: “L’avevo scritta per Michael Bublè ma dice che il titolo non gli piace! Allora la regalo a voi”.

 


Tag: Laura TorrisiLeonardo Pieraccioni