Drusilla Foer, età, carriera, vita privata: chi è l’alter ego di Gianluca Gori

All'anagrafe si chiama Gianluca Gori, Drusilla ha ottenuto la popolarità soprattutto sul web tramite Instagram e YouTube

Drusilla Foer
Drusilla Foer al "Maurizio Costanzo Show"
newsby Ilaria Macchi6 Giugno 2022


La presenza di Drusilla Foer al fianco di Amadeus in una delle serate del Festival di Sanremo è destinata a stupire il pubblico. La scelta, infatti, entra a pieno titolo nella storia della kermesse canora: si tratta infatti prima conduzione en travesti della storia nella storia del Festival. Il suo nome potrà con ogni probabilità dire poco ai meno giovani, ma lei può vantare una carriera che le sta regalando negli ultimi anni importanti soddisfazioni. Non a caso, può essere considerata il suo personaggio viene apprezzato perché rappresenta l’esempio di una diva dello spettacolo, una stella del web e un’icona fashion, inventato da Giancluca “Gigo” Gori, attore fiorentino di 56 anni. Ed è per questo che l’artista ha deciso di aprire un accounto social proprio con il nome di Drusilla.

A puntare su di lei c’è anche una collega che la conosce bene, Vladimir Luxuria: “Sanremo fa notizia, fa precedente, fa storia del costume – sono state le sue parole -. E quest’anno dal festival arriverà una bel messaggio contro pregiudizi e discriminazioni di genere, un bel messaggio di inclusività. La scelta di Drusilla dice che i tempi sono maturi per una coconduzione en travesti”.

Chi è Drusilla Foer: biografia dell’artista

Drusilla Foer (all’anagrafe Gianluca Gori) è nata a Siena il 23 luglio 1945, anche se in genere non ama essere riconosciuta per la sua età. Pur essendo cresciuta in una famiglia dalle origini nobili, lei non ha avuto grandi difficoltà a distaccarsi da loro, ma anzi si è spesso distinta per il suo atteggiamento ribelle e a tratti anticonformista. La popolarità è arrivata grazie al web, per poi riuscire a ottenere ruoli importanti al cinema. In veste di attrice ha recitato in “Magnifica presenza” (2012) di Ferzan Ozpetek e “Sempre più bello”, oltre a essere stata giudice a “Strafactor” ed editorialista a “Matrix Chiambretti” e ospite fissa a “CR4 – La Repubblica delle Donne” sy Retequattro e “Ciao Maschio” su Raiuno.

È stata lei stessa a spiegare come sia nato il suo nome d’arte: “Da una nottata di sesso sfrenato dei miei nonni in America – ha spiegato a ‘Libero Quotidiano’ -. Erano su un battello che si chiamava Drusilla. Il battello è diventato un monumento storico, una sorta di pezzo di antiquariato. Come me, insomma”.


Tag: Drusilla Foer