Che fine ha fatto Danielle Madam dopo la Tv?

Danielle Madam, campionessa di lancio del peso classe 1997, ha lottato per ottenere la cittadinanza italiana e ora è orgogliosa di avercela fatta

Danielle Madam Quelli che il calcio
Foto | Rai
newsby Ilaria Macchi10 Maggio 2022


Il nome di Danielle Madam è particolarmente noto soprattutto tra gli appassionati di sport: pur essendo ancora giovanissima (è nata il 23 giugno 1997) è già diventata per cinque volte campionessa di lancio del peso. Il futuro sembra essere dalla sua parte, come dimostra il pensiero che molti addetti ai lavori hanno su di lei: è considerata, infatti, una delle più promettenti nella sua disciplina grazie alla sua forza fisica.

Recentemente ha inoltre acquisito ulteriore popolarità grazie alla Rai, che l’ha scelta per affiancare Marco Lollobrigida a “Notti Europee, la trasmissione serale in cui si commentava il cammino degli azzurri di Roberto Mancini a Euro 2020 fino alla conquista del titolo continentale.

Danielle Madam oggi: cosa fa la campionessa di lancio del peso

La storia di Danielle è la dimostrazione di come la determinazione sia fondamentale nel raggiungere i propri obiettivi. La ragazza, infatti, ha iniziato a praticare sport sin da ragazzina puntando a migliorarsi costantemente e i risultati che sta ottenendo le stanno dando ragione.

Danielle Madam Notti Europee
Foto | Rai

Lei, però, per descriversi ama utilizzare anche un’altra parola: coraggio. La sportiva, infatti, non si è mai abbattuta nonostante fosse oggetto di discriminazioni per il colore della sua pelle ed è alla fine riuscita a ottenere la cittadinanza italiana. Lei si è sempre sentita una nostra connazionale, ma non avere il riconoscimento vero e proprio la faceva sentire esclusa in molti ambiti. E alla fine può dire con orgoglio di avercela fatta, nonostante un iter burocratico davvero estenuante: Sono orgogliosissima di essere italiana. Posso finalmente pensare in grande“. A difenderla ci aveva pensato anche il sindaco leghista di Pavia, Fabio Fracassi, dove lei vive da quando aveva sette anni. Il primo cittadino si era infatti rivolto direttamente al Presidente della Repubblica per poterla aiutare.

Danielle Madam Rai
Foto | Rai

La sua esperienza può essere da monito per molti coetanei, come ha spiegato lei stessa in occasione della Civil Week, a cui è stata invitata per dare la sua testimonianza: “Non ho avuto una vita facile – ha raccontato -. Ho perso lo zio con cui vivevo in Italia e ho passato anni in casa famiglia. Ho affrontato un percorso di solitudine alla ricerca di me stessa. Quando dovevo iscrivermi alle competizioni mondiali ho scoperto di non essere italiana. Da lì è iniziata la mia battaglia per vedermi riconosciuto un diritto. Adesso vado nelle scuole e dico ai ragazzi che nella vita bisogna avere il coraggio di fare le scelte più difficili. Io avrei potuto fermarmi e avrei avuto la giustificazione della società, ma non era quello che volevo”.


Tag: Danielle Madam