Antonia Liskova, da modella ad attrice: carriera e amori

L'interprete di origine slovacca ha recentemente recitato in "Nero a metà 2" con Claudio Amendola e "L'allieva 3"

Antonia Liskova
newsby Ilaria Macchi30 Maggio 2021

Essere diventata un’attrice le ha regalato molte soddisfazioni, ma per Antonia Liskova, una delle più amate grazie ai suoi lavori al cinema e in teatro, tutto è avvenuto per caso. Lei, infatti, è arrivata in Italia da ragazza per fare la modella, ma un provino le ha cambiato la vita, anche se lei si trovava lì solo per accompagnare un’amica. In quell’occasione, infatti, il suo aspetto è stato notato da un regista e da lì tutto è cominciato.

Il primo periodo che lei ha trascorso nel nostro Paese è stato però tutt’altro che semplice: “Le frontiere non erano poi così libere – ha raccontato in un’intervista a ‘Effetto Notte’ -. Io ho vissuto per un po’ di tempo da clandestina. Ho dovuto firmare contratti per poter lavorare e per poter rimanere qui. Ho dovuto dimostrare di essere in grado di vivere qui senza pesare sullo Stato, come straniera” – ha detto in un’intervista a ‘Effetto Notte’.

Antonia Liskova: età e carriera

Antonia Liskova è nata il 25 marzo 1977 a Bojnice ed è di nazionalità slovacca, ma naturalizzata italiana. Pur vivendo ormai da tempo nel nostro Paese, lei continua a essere legata alla sua terra d’origine: “Ci torno spessissimo, l’essere umano che sono oggi lo devo a quel luogo, al lavoro e ai sacrifici dei miei genitori, che facevano gli operai – ha detto a ‘Vanity Fair’ -. Il senso del sacrificio mi ha salvato la vita”.

A diciotto anni, una volta conseguito il diploma, decide di trasferirsi in Italia per fare la modella, pur facendo la cameriera per mantenersi. Il primo ruolo in Tv è datato 1998 nella serie “Le ragazze di Piazza di Spagna”. Giaà nel 2000 ha la possibilità di esordire al cinema: Carlo Verdone la sceglie per il suo film “C’era un cinese in coma”. La popolarità, al pari di altre colleghe, arriva però grazie alla Tv: nel 2003 recita in “Incantesimo 6”, storica fiction Rai, a cui seguono “Sospetti” (2003), “Il cuore nel pozzo” (2005) e “L’uomo sbagliato (2005).

Il suo curriculum è però davvero ricco e comprende “Riparo” (ottiene il Globo d’Oro come Miglior Attrice Rivelazione e un Nastro d’Argento), “Zodiaco” (2008) e “Giulia non esce di scena” (2009). Negli ultimi anni è rimasta raramente inoperosa: ha infatti recitato in “La banda dei Babbi Natale” (2010) e nella seconda stagione di “Tutti pazzi per amore” (2010), dove sostituisce Stefania Rocca. Successivamente si è dedicata con maggiore attenzione al cinema: nella sua biografia ci sono “La voce” (2015), “Sconnessi” (2018) e “Parliamo di Lucy” (2018). In questa stagione abbiamo avuto modo di apprezzarla in “Nero a metà 2” al fianco di Claudio Amendola e nella terza stagione de “L’allieva”, con protagonisti Lino Guanciale e Alessandra Mastronardi, dove ha vestito i panni della “Suprema” Andrea Manes.

La sua vita privata

Antonia ha raccontato in un’intervista di avere temuto di non poter avere figli. Fortunatamente l’attrice è riuscita a realizzare il suo sogno di diventare mamma. Nel 2005 è infatti nata Liliana, frutto del suo amore con il chirurgo plastico Luca Ferrarese, sposato nel 2010.

Il matrimonio si è concluso dopo due anni. Proprio nel 2012 ha conosciuto Gabriele Guidi, figlio d Johnny Dorelli e Catherine Spaak, che è tuttora il suo compagno. C’è una caratteristica particolare che accomuna i due innamorati: entrambi hanno infatti due figlie della stessa età. “Si adorano. Spero solo che in futuro non litighino per il fidanzato“ – ha raccontato lei a ‘Grazia’.

Tag: Antonia Liskova