Una gigantesca scatola nera raccoglierà tutti i dati climatici per le civiltà future

La scatola nera, situata in una remota landa della Tasmania, è una struttura dalle dimensioni di un autubus e indistruttibile: realizzata appositamente per resistere a una catastrofe climatica e alla specie umana

una scatola nera raccoglierà i dati sul clima
Foto Earth's Black Box
newsby Giulia Martensini7 Dicembre 2021


Ogni volta che viene pubblicata una nuova ricerca sul clima, titoli di notizie o condivisi tweet, una gigantesca scatola nera d’acciaio in Tasmania registrerà tutto.
Con le sue spesse pareti d’acciaio, le batterie e i pannelli solari, gli sviluppatori di “Earth’s Black Box” affermano che la struttura, dalle dimensioni di un autobus, sarà indistruttibile ed è destinata a sopravvivere agli umani.

Alla fine, si spera, la scatola nera racconterà alle civiltà future come l’umanità ha creato la crisi climatica. E come abbia fallito (o sia riuscita) ad affrontarla.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da newsby.it (@newsby.it)

La scatola nera ha già iniziato a raccogliere dati della Cop26

La scatola fungerà da libro mastro indistruttibile e indipendente della ‘salute’ del nostro pianeta“, ha detto alla CNN Jonathan Kneebone, coinvolto nel progetto. “E speriamo che obblighi i leader a rendere conto e ispirare l’azione e la reazione nella popolazione più ampia“.

Sebbene la costruzione della scatola non sarà ancora completata fino al prossimo anno, i dischi rigidi hanno già iniziato a registrare risultati e conversazioni basati su algoritmi dal vertice sul clima COP 26 a Glasgow che si è tenuto lo scorso novembre.

Earth’s Black Box registrerà ogni passo che faremo verso questa catastrofe“, scrivono i creatori del progetto. “Centinaia di set di dati, misurazioni e interazioni relative alla salute del nostro pianeta verranno continuamente raccolti e archiviati in modo sicuro per le generazioni future”.

Il monolite d’acciaio documenterà tutte le conversazioni e dati legati al clima del passato, presente e futuro. Compresi i cambiamenti della temperatura della terra e del mare, l’acidificazione degli oceani, la quantità di gas serra nell’atmosfera. Ma anche dati sulla popolazione umana, il consumo di energia, le spese militari, i cambiamenti politici e molto altro.

Potrà archiviare dati per i prossimi 50 anni

Secondo i suoi creatori, la scatola sarà piena di unità di archiviazione e scaricherà costantemente dati scientifici da Internet, che saranno alimentati dai pannelli solari.
Gli sviluppatori stimano che la scatola nera abbia la capacità di archiviare dati sufficienti per i prossimi tre-cinque decenni ma continuano a lavorare per ampliarne lo spazio di archiviazione.
Tuttavia, i suoi creatori stanno ancora cercando di capire chi sarà in grado di utilizzare la scatola in un lontano futuro. In quanto accedere al progetto potrebbe essere difficile e richiederebbe una tecnologia molto avanzata.

Istruzioni in codice per decodificare la scatola

Proprio come la Stele di Rosetta, i suoi creatori hanno in programma di utilizzare più formati di codifica, incluso il simbolismo matematico, per le loro iscrizioni analogiche su lastre di acciaio a lungo termine. Queste includerebbero le istruzioni necessarie per decodificare la scatola per chiunque la scopra.

È impossibile prevedere chi o cosa troverà la scatola. Ma si può presumere che non servirà a nulla se non verrà scoperta da qualcuno o qualcosa che sia intelligente e civilizzato. Con la capacità di comprendere e interpretare simbolismo di base“, ha detto.

Un avvertimento per i leader mondiali

Una recente analisi di Climate Action Tracker ha avvertito che con le attuali politiche il mondo è sulla buona strada per un riscaldamento di 2,7 gradi sopra i livelli preindustriali. Gli scienziati hanno da tempo affermato che il pianeta dovrebbe rimanere al di sotto di 1,5 gradi per evitare le peggiori conseguenze della crisi climatica.

Gli sviluppatori della scatola nera affermano che potrebbe mandare un messaggio molto forte ai leader. Accumulando prove che ne sottolineano la responsabilità davanti alla catastrofe climatica.
Per me, mostra fino a che punto non c’è coerenza nello spazio climatico per fidarsi dei politici su tutto ciò che dicono“, ha detto Kaim. “Invia un messaggio molto forte che la vera scatola nera qui è nelle menti dei politici che avevano tutte le leve necessarie per evitare la catastrofe ma hanno deciso di continuare ad evitarla fino a quando non era troppo tardi“.

Una volta attivata la scatola nera, la libreria dei dati climatici sarà accessibile attraverso una piattaforma online. I visitatori potranno anche connettersi in modalità wireless alla scatola, che sarà situata in un sito remoto tra Strahan e Queenstown in Tasmania.

Stiamo esplorando la possibilità di includere un lettore elettronico che rimanga all’interno della scatola e si attivi all’esposizione alla luce solare. Riattivando anche la scatola qualora entri in uno stato dormiente a lungo termine a causa di una catastrofe“, ha detto Kneebone.

Il modo in cui finisce la storia dipende completamente da noi“, scrivono gli sviluppatori. “Solo una cosa è certa, le tue azioni, inazioni e interazioni vengono ora registrate“.

 


Tag: cambiamenti climaticitasmania