Vaccino, il CDC modifica la definizione:
motivi e implicazioni

L'ente statunitense ha preferito optare per una definizione che fosse più trasparente. Immancabili le polemiche legate alla scelta

pfizer può proteggere contro ricoveri da omicron
Foto Unsplash by Towfiqu barbhuiya
newsby Giulia Martensini18 Settembre 2021


Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) nei giorni scorsi ha modificato sul proprio sito la definizione del termine vaccino. Il CDC, è l’ente americano per eccellenza, assieme alla Food and Drugs Administration (FDA) incaricato di effettuare controlli sulla sanità pubblica e monitorare la sicurezza dei vaccini. Attualmente, per il CDC viene definito vaccinouna preparazione che viene usata per stimolare la risposta immunitaria del corpo contro le malattie”. Pochi giorni prima, il portale riportava una definizione leggermente diversa, ovvero “un prodotto che stimola il sistema immunitario di una persona a produrre immunità a una malattia specifica, proteggendo la persona da quella malattia”.

Le implicazioni della nuova definizione

La nuova espressione scelta dal CDC, sembra, a primo impatto, “alleggerire” l’efficacia della vaccinazione. Questo non sarebbe quindi più in grado di produrre una vera e propria immunità ma avrebbe semplicemente il compito di stimolarla. Un cambio di definizione che non è passato inosservato a chi ha voluto vedere un collegamento temporale tra questo e l’approvazione definitiva di Pfizer che è stato infatti definito, nel comunicato ufficiale, un prodotto per la “prevenzione della malattia covid-19”.

Numerose sono state le polemiche sorte alla scoperta della nuova definizione. Il Repubblicano Thomas Massie  ha evidenziato su Twitter che il termine “vaccinazione” aveva subito una revisione della definizione già nel 2015.

 

Massie ha commentato il cambiamento della definizione di “vaccinazione” nel corso degli anni, paragonando il lavoro del CDC con quello del Ministero della verità di 1984 di George Orwell .
Dello stesso parere anche la giornalista del New York Times Sharyl Attkisson. “Invece di richiedere alla medicina di soddisfare la definizione di “vaccino”, sembra che il CDC abbia cambiato la definizione di “vaccino” per adattarsi a ciò che fa la medicinaha sottolineato nel suo blog.

Una definizione che sembra cucita addossosottolinea Radio Radicale, definendo la notizia “sorprendente”. “La CDC non ha più argomenti per contestare la mancanza di immunizzazione di Pfizer, quindi cambia la definizione per far contenti tutti”.

Perché il CDC ha cambiato la definizione di vaccino

Il Cdc, ha voluto però fare chiarezza in merito al cambio di definizione, sottolineando come la definizione attuale risulti più trasparente. “La definizione precedente poteva essere interpretata nel senso che i vaccini siano efficaci al 100 per cento, cosa che non è mai stata vera per nessun vaccinoha commentato il portavoce del CDC Scott Pauley.

Un concetto ribadito anche nel manuale MSD, che sottolinea come, proprio perché il vaccino non è al 100% efficace, alcune persone, pur vaccinate, possono comunque contrarre la malattia. A riprova del fatto, alcune persone, pur avendo ricevute la seconda dose di vaccino, hanno ugualmente contratto la variante delta.

È innegabile che lo sviluppo dei vaccini abbia permesso di salvare milioni di vite nel mondo. Al tempo stesso è giusto che ognuno abbia a disposizione informazioni chiare e corrette, prima di compiere una scelta.

 


Tag: CDCCovidPfizerVaccino