Di Maio lancia Impegno Civico, attacchi a Conte e Cdx: “È Corazzata Putin”

Di Maio durissimo anche con il M5s: "Conte, Salvini e Berlusconi hanno fatto cadere Governo per interessi di partito", Tabacci con Berlusconi

Impegno civico, Di Maio:
Foto | Newsby
newsby Redazione1 Agosto 2022



Luigi Di Maio, insieme a Bruno Tabacci, ha presentato il suo nuovo soggetto politico: Impegno Civico. “Non vogliamo parlare agli estremismi e a coloro che fondano la loro politica sul no. Non possiamo sottrarci alla responsabilità civica. Abbiamo un’ape nel simbolo, che testimonia e richiama la nostra grande coscienza ecologista“, ha dichiarato il dimissionario ministro degli Esteri durante la presentazione.

Di Maio e l’attacco a Cdx e (soprattutto) M5s


Il motivo della nascita della nuova formazione politica, per Di Maio, è chiaro. “Dobbiamo fronteggiare una crisi internazionale. Lo abbiamo fatto con autorevolezza con il governo Draghi, che Conte, Salvini e Berlusconi hanno deciso di far cadere per interessi di partito – ha affermato in occasione del lancio di Impegno Civico – . Ai tavoli internazionali dobbiamo portare avanti la battaglia per il tetto massimo al prezzo del gas. Voglio proporre a tutti i leader di sottoscrivere insieme una lettera alla commissione UE, in cui si sostiene il governo Draghi in carica per ottenere un tetto massimo al prezzo del gas“.


Di Maio insiste sugli attacchi agli ormai ex partner di Governo. Incluso, evidentemente, il M5s. “Coloro che hanno fatto cadere il governo sono estremisti – ha tuonato –. Lasciamo a loro le ironie e i veti, la nostra risposta è l’unità. La loro vittoria vuol dire isolarsi dall’Europa. Il fronte riformista deve essere unito. Credo che le ingerenze straniere sulla campagna elettorale saranno forti. Per togliere ogni ombra chiediamo una commissione di inchiesta nella nuova legislatura su questi legami“.


Fuoriuscita a sua volta dal M5s, ha seguito Di Maio nel nuovo partito anche Lucia Azzolina. “Inizia un percorso nuovo con Impegno Civico, al fianco di chi ha voglia di costruire per il nostro Paese e non di sfasciare. Non solo per combattere le destre nella campagna elettorale, ma per fare delle proposte per i cittadini. Non è il momento di mettere veti, ma di stare dalla parte giusta della storia, contro le destre e contro chi ha fatto cadere il governo Draghi“, ha dichiarato l’ex ministra dell’Istruzione.

Tabacci distrugge Berlusconi: “In lui più nulla di liberal-democratico”


Durissimo con le destre anche un altro politico che ha aderito al progetto di Luigi Di Maio. “La sfiducia a Draghi viene da forze che hanno legami profondi con Putin. Quello di Berlusconi è conclamato e mi si dice che si sia arrabbiato molto quando il presidente Fico ha invitato il presidente Zelensky alla Camera. Berlusconi non ha più nemmeno un capello di liberal-democratico“. Così, con parole durissime, Bruno Tabacci. Attualmente Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, l’esperto deputato fino al gennaio 2008 era parte dell’ala più riformista del centrodestra.


Se sto investendo su una nuova generazione? Di Maio è molto più giovane dei miei figli, quindi è un investimento – ha affermato Tabacci –. Io ho lavorato per rafforzare sul Conte 2, su indicazione di Mattarella. Di Maio l’ho visto da vicino negli ultimi 18 mesi e lì è nata l’idea che si potesse fare qualcosa insieme senza riproporre lo schema M5s. Calenda? Non è sempre rispettoso, così si fa vincere la Meloni. Corazzata della destra? Corazzata Putin forse“.


Tabacci, quindi, è andato ancora più nello specifico sulla sua polemica verso Calenda. “Sono orfano della legge proporzionale con le preferenze. Andate a chiedere a Carlo Calenda che simbolo utilizza. Va a raccogliere le firme? No, usa il simbolo di +Europa che ho creato io nel 2018 grazie alla presenza di Centro democratico. Quindi, per la proprietà transitiva, senza Centro democratico neanche Calenda potrebbe candidarsi“, ha affermato durante il lancio di Impegno Civico, il nuovo soggetto politico nato dalla fusione proprio di Centro democratico con Insieme per il futuro, di Luigi Di Maio.


Tag: Bruno Tabaccicampagna elettoraleCarlo CalendaCentrodestraelezionielezioni politicheImpegno CivicoLucia AzzolinaLuigi Di Maio