Auto elettriche, l’inverno è pieno di rischi: automobilisti in allarme

Auto elettriche - Newsby.it
Newsby Vincenzo Maccarrone 5 Dicembre 2022

Auto elettriche, l’inverno è pieno di rischi: automobilisti in allarme. Vademecum su come gestire i veicoli a batteria alle basse temperature

Il mercato delle auto elettriche non sta attraversando uno dei suoi periodi più floridi. I numeri sulle vendite dei veicoli a batteria, almeno per ciò che concerne l’area dei paesi del Mediterraneo, sono decisamente inferiori a quelli prodotti dalle nazioni dell’Europa settentrionale.

Auto elettriche al freddo
Auto elettriche – Newsby.it

La grande diffusione dei veicoli elettrici nei paesi scandinavi sembra paradossale, viste le difficoltà che le macchine a batteria incontrano durante la stagione invernale. L’inverno è infatti un periodo piuttosto delicato per i possessori di automobili elettriche, perché le basse temperature possono incidere sensibilmente sull’autonomia e sulla velocità di ricarica delle batterie.

Conosciamo già molto bene gli effetti del freddo sulle batterie di avviamento delle nostre classiche auto a benzina o diesel: a tutti sarà capitato di essere lasciati a piedi in una fredda mattina d’inverno perché il motore non vuole saperne di avviarsi, a causa dello spunto insufficiente di una batteria un po’ avanti negli anni.

Auto elettriche, quanto incide l’inverno

Quindi è facile fare un parallelo e capire cosa può succedere quando dalle batterie dipende l’autonomia della stessa automobile e la possibilità di spostarsi. Durante l’inverno l’autonomia delle auto elettriche si riduce. La temperatura delle celle infatti influisce sulle caratteristiche fisiche delle batterie, che è liquido.

Valori più bassi o più alti dei 15/20 gradi ottimali provocano una diminuzione delle correnti che vengono erogate o che attraversano le celle, riducendo autonomia e capacità di carica. Inoltre, se la temperatura delle batterie è fuori dal range 10-30 gradi, neanche il sistema rigenerativo può funzionare a pieno regime, riducendo ulteriormente l’autonomia.

Ricordiamo che le batterie funzionano in un ampio range di temperature, ma quando si tratta di caricarle soprattutto in inverno le condizioni ambientali possono ridurre di parecchio la finestra utile. Temperature troppo alte o troppo basse riducono la capacità di carica, quindi è consigliabile portare la batteria a una temperatura consona prima di iniziare a caricarla.

Batteria al freddo
Batteria per la ricarica – Newsby.it

Le batterie di vecchio tipo inoltre hanno tolleranze maggiori rispetto alle più moderne batterie al litio. I migliori risultati si ottengono in ogni caso tra 10 e 30 gradi, specialmente in caso di ricarica rapida. Il freddo dell’inverno è nemico dell’autonomia delle auto elettriche. D’inverno la nostra vettura elettrica percorre meno chilometri con un pieno.

Le moderne batterie al litio possono essere sottoposte a carica rapida tra 5 e 45 gradi: a temperature inferiori la corrente va ridotta e la carica non è possibile sotto zero, a causa dei ridotti tassi di diffusione sull’anodo, che riducono drasticamente il passaggio di corrente.

Auto elettriche, la Norvegia è al top nella vendita dei veicoli a batteria

E’ utile ricordare infine che per poter utilizzare l’auto elettrica d’inverno in ogni condizione meteorologica è indispensabile l’installazione di sistemi di controllo della temperatura delle celle, per mantenere la batteria nel range di temperatura migliore per la sua efficienza.

Sembra dunque un paradosso ma la Norvegia, che non gode certo di un clima mite, è il primo Paese europeo per la diffusione dei veicoli elettrici, grazie anche all’erogazione di massicci incentivi e agevolazioni da parte dello Stato e con il vantaggio di un mix di produzione di energia elettrica nazionale proveniente prevalentemente da fonti rinnovabili come l’idroelettrico e l’eolico.

Impostazioni privacy