Uiguri, chi sono e perché la Cina è accusata di genocidio

Il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri, un gruppo etnico in gran parte musulmano dello Xinjiang, è diventato fonte di tensione internazionale con Pechino, ora accusato di genocidio

uiguri
Foto Unsplash | Achisatha Khamsuwan
newsby Giulia Martensini9 Novembre 2021


Il Museo del Memoriale dell’Olocausto degli USA ha pubblicato un rapporto che illustra in dettaglio le prove della crescente repressione del governo contro i musulmani uiguri nella regione occidentale dello Xinjiang in Cina.

Il rapporto esprime la “grave preoccupazione” del Museo che il governo cinese possa commettere un genocidio contro gli uiguri. Gli abusi descritti nel rapporto sono solo l’ultima di una serie di condanne lanciate in questi anni contro le politiche di Pechino nei confronti degli uiguri. Gli abusi citati includono accuse di sterilizzazione forzata, violenza sessuale, riduzione in schiavitù, tortura e trasferimento forzato.

I crimini contro gli uiguri

Se prima i crimini erano solo “presunti” ora c’è ragione di credere che si stiano moltiplicando. Questo nel bel mezzo di una campagna dei funzionari cinesi per nascondere la loro gravità in risposta alla condanna internazionale.

Il rapporto afferma che “le informazioni emerse di recente segnalano che la condotta del governo cinese è andata oltre una politica di assimilazione forzata“.

Ciò include, in particolare, un assalto più approfondito alla capacità riproduttiva femminile uigura attraverso la sterilizzazione forzata e il posizionamento forzato di dispositivi intrauterini. Nonché la separazione dei sessi attraverso la detenzione di massa e il trasferimento forzato“, afferma il rapporto.
Tom Bernstein, il presidente del Committee on Conscience del museo, ha dichiarato: “Il governo cinese ha fatto del suo meglio per impedire che le informazioni sui crimini contro gli uiguri vedessero la luce del giorno“.

Invitando Pechino a “fermare i suoi attacchi contro il popolo uiguro. E consentire a osservatori internazionali indipendenti di indagare e garantire che i crimini siano cessati“.

Negate le richieste di accesso in Cina

Pechino ha ripetutamente respinto le accuse di violazioni dei diritti umani, detenzione forzata e altre atrocità nella regione, affermando che le sue politiche sono necessarie per “combattere l’estremismo” e promuovere la mobilità economica verso l’alto per gli uiguri e altre minoranze musulmane.

Gli Stati Uniti e molti altri governi, nel frattempo, hanno già affermato che le azioni della Cina contro i musulmani uiguri dello Xinjiang e altre minoranze costituiscono un genocidio.

A ottobre, 43 nazioni hanno nuovamente invitato la Cina a consentire agli osservatori indipendenti “un accesso immediato, significativo e senza restrizioni” allo Xinjiang.
Ciò è avvenuto dopo che l’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite Michelle Bachelet ha dichiarato a settembre che la Cina aveva nuovamente respinto le richieste di accesso alla regione.

In risposta all’appello dei Paesi, l’ambasciatore cinese all’ONU Zhang Jun ha accusato i critici di diffondere “accuse e bugie” infondate“.

Ha inoltre accusato gli USA e altri paesi occidentali di “usare i diritti umani come pretesto per manovre politiche per provocare il confronto“.

Cresce la tensione internazione con Pechino

Il trattamento riservato dalla Cina al gruppo etnico in gran parte musulmano dello Xinjiang è diventato fonte di tensione internazionale con Pechino.

Alla fine dell’estate del 2018, le Nazioni Unite hanno rivelato che almeno un milione di uiguri erano stati detenuti in “centri contro l’estremismo” nella provincia cinese dello Xinjiang, mettendo sotto i riflettori il trattamento di un gruppo etnico per lo più musulmano ancora sconosciuto.

Il rapporto ha anche rivelato che altri due milioni di uiguri sono stati “costretti nei cosiddetti campi di rieducazione per l’indottrinamento politico e culturale” a partire dalla metà del 2017.

La Cina ha respinto le accuse, affermando che le sue politiche nei confronti degli uiguri e di altre minoranze musulmane sono necessarie per “combattere l’estremismo” e promuovere la mobilità economica verso l’alto per i gruppi etnici impoveriti.

Ma documenti segreti hanno rivelato una “strategia deliberata” per rinchiudere le minoranze etniche e cancellare la loro lingua e il loro stile di vita.

Chi sono gli uiguri

Gli uiguri sono un gruppo di minoranza etnica che vive principalmente nella regione autonoma dello Xinjiang. Un termine cinese che significa “nuova frontiera” o “terra di confine”.

Gli uiguri sono prevalentemente musulmani. Secondo i registri ufficiali cinesi, ci sono 12 milioni di uiguri, che rappresentano quasi la metà della popolazione nello Xinjiang. Situato nell’estremo nord-ovest della Cina, lo Xinjiang copre più di 1,6 milioni di chilometri quadrati. È la più grande regione della Cina e costituisce circa un sesto dell’intera superficie terrestre del Paese.

I tentativi di indipendenza

Nel 1933, l’allora maggioranza uiguri dichiarò un Turkestan orientale indipendente. Tuttavia i suoi confini furono instabili e il suo esercito fu presto sconfitto dai cinesi nazionalisti guidati da Chiang Kai-shek.

Una seconda repubblica del Turkestan orientale fu dichiarata nel 1944 con il sostegno sovietico. Ma nel 1949, i nuovi governanti comunisti cinesi annetterono la regione con l’appoggio di Joseph Stalin. Ponendo fine al sogno degli uiguri di una patria indipendente.

Pechino insiste nel dire di avere un’antica pretesa sullo Xinjiang – risalente al 206 a.C. – e lo considera una “parte inseparabile della nazione cinese”.

Gli uiguri non sono d’accordo, affermando che i confini nella regione sono stati tracciati e ridisegnati per secoli, a seconda del potere dominante. Gli uiguri affermano anche che la loro religione, lingua e pratiche culturali distinguono chiaramente lo Xinjiang dal resto della Cina.

Dal 1949, quando l’esercito comunista di Mao Zedong ha preso il controllo dello Xinjiang, l’emigrazione è aumentata notevolmente. Migliaia di uiguri che hanno lasciato la regione per sfuggire alla repressione politica e religiosa, portando a un graduale declino della loro popolazione.

Nel frattempo, milioni di cinesi Han hanno iniziato a stabilirsi nello Xinjiang con l’incoraggiamento di Pechino. Costituendo di fatto il secondo gruppo etnico più grande della regione. Diluendo il dominio della popolazione uigura nella propria patria e creando nuove fonti di tensione.

Allo stesso tempo, gli osservatori dei diritti umani hanno anche accusato Pechino di aver avviato politiche di controllo delle nascite contro gli uiguri e altri gruppi minoritari. Con l’obiettivo di tagliare dai 2 ai 4 milioni di nascite entro 20 anni.

Perché Pechino negli ultimi anni ha represso gli uiguri?

Gli attacchi dell’11 settembre a New York e la cosiddetta “guerra contro il terrore” degli USA che si estendeva dall’Iraq al Pakistan, che in parte confina con lo Xinjiang, alla fine hanno portato Pechino a lanciare la propria campagna contro l'”estremismo” contro gli uiguri.

Mesi dopo, iniziò una vera e propria repressione senza precedenti contro gli uiguri. Il presidente cinese Xi Jinping aveva anche affermato nel 2017 che tutte le religioni nel Paese dovrebbero avere un orientamento cinese in linea con la sua politica di “sinificazione”.

La repressione è diventata gradualmente più intensa con attivisti uiguri e persino studiosi denunciati come “terroristi” musulmani e gettati in prigione o condannati frettolosamente a morte. Gli uiguri, che avevano viaggiato all’estero e poi sono tornati in Cina, sono stati sospettati di promuovere punti di vista “estremi” e interrogati.

Si ritiene che fino a un milione di etnia uigura e altre minoranze per lo più musulmane siano detenute in una rete di campi di internamento nello Xinjiang. Tuttavia la Cina non ha fornito alcuna cifra e descrive le strutture come “centri di istruzione professionale” volti a allontanare le persone dall’estremismo.

Com’è la vita nello Xinjiang?

In un rapporto di giugno, Amnesty International ha descritto la vita nello Xinjiang come un “paesaggio infernale distopico”. Con ex detenuti che hanno rivelato torture e altre violazioni dei diritti commesse “nel tentativo di instillare con la forza una nazione cinese laica e omogenea” secondo gli ideali del paese Partito Comunista.

La sorveglianza nello Xinjiang è anche pervasiva con innumerevoli telecamere installate nelle grandi città. Rendendo impossibile ai giornalisti parlare con gli uiguri, senza che loro rischino un possibile arresto.

Un rapporto del 2019 di Human Rights Watch affermava che il governo stava utilizzando un’applicazione mobile per archiviare i dati degli uiguri e di altri musulmani turchi.  Al fine di monitorare i loro movimenti attraverso il riconoscimento facciale.

Cosa dice la Cina?

La Cina ha negato con veemenza le accuse di genocidio e altri abusi. Insistendo sul fatto che la politica di Xi Jinping nei confronti degli uiguri è mirata a “lottare contro l’estremismo”. Dando alle minoranze le competenze per diventare più occupabili e contribuire all’economia.

Einar Tangen, un analista politico che consiglia il governo cinese, ha detto che Pechino considera la rieducazione e la formazione una misura necessaria per affrontare la povertà.


Tag: Cinagenocidiouiguri