Biden: nuovi fondi richiesti al Congresso per Israele e Ucraina

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto nuovi fondi di emergenza presentata al Congresso per gli aiuti a Israele e all'Ucraina

Foto | Wikimedia Commons @Gage Skidmore from Surprise, AZ, United States of America - Newsby.it
Newsby Giulia De Sanctis 20 Ottobre 2023

Il Presidente Joe Biden, dichiarando che la leadership degli Stati Uniti tiene insieme il mondo, ha detto giovedì sera gli americani che il Paese deve sostenere maggiormente l’Ucraina e Israele che si trovano nel mezzo di due guerre molto diverse, imprevedibili e sanguinose.

Riconoscendo che “questi conflitti possono sembrare lontani”, Biden ha insistito in un raro discorso nello Studio Ovale sul fatto che rimangono “vitali per la sicurezza nazionale dell’America”, mentre si preparava a chiedere al Congresso miliardi di dollari in assistenza militare per entrambi i Paesi.

“La storia ci ha insegnato che quando i terroristi non pagano un prezzo per il loro terrore, quando i dittatori non pagano un prezzo per la loro aggressione, causano più caos, morte e distruzione”, ha detto Biden. “Continuano ad andare avanti. E il costo e la minaccia per l’America e per il mondo continuano ad aumentare. È un investimento intelligente che darà i suoi frutti per la sicurezza americana per generazioni

Biden dunque spera che la combinazione di tutti questi temi in un unico testo legislativo crei la coalizione necessaria per l’approvazione del Congresso.

Il supporto a Israele e all’Ucraina non convince tutti

Il suo discorso, arrivato all’indomani del suo viaggio in Israele, dove ha mostrato solidarietà al Paese dopo l’attacco del 7 ottobre da parte di Hamas e ha spinto per una maggiore assistenza umanitaria ai palestinesi.

Joe Biden partecipa a una conferenza
Foto | Wikimedia Commons @The White House – Newsby.it

Con Israele che continua a bombardare la Striscia di Gaza e a preparare un’invasione di terra, Biden ha posto l’accento sul tributo mortale che il conflitto ha avuto sui civili, dicendosi “affranto per la tragica perdita di vite palestinesi”.

Israele e i palestinesi meritano ugualmente di vivere in sicurezza, dignità e pace“, ha detto Biden. Ha anche messo in guardia dalla marea crescente di antisemitismo e islamofobia negli Stati Uniti, ricordando l’uccisione di Wadea Alfayoumi, un bambino palestinese-americano di 6 anni.

“A tutti voi che soffrite, voglio che sappiate che vi vedo. Voi appartenete”, ha detto Biden. “E voglio dirvi questo. Siete tutti americani”.

La Casa Bianca ha dichiarato che dopo il suo discorso, il Presidente e la First Lady Jill Biden hanno parlato al telefono con il padre e lo zio di Wadea per esprimere le loro “più sentite condoglianze” e condividere le loro preghiere per la guarigione della madre del ragazzo, anch’essa accoltellata.

Biden ha incluso nelle sue osservazioni un avvertimento ai leader iraniani, che hanno sostenuto Hamas a Gaza e l’invasione russa dell’Ucraina, e ha detto che gli Stati Uniti “continueranno a ritenerli responsabili”.

Mentre Biden cerca un secondo mandato in una campagna che probabilmente si baserà sull’opinione degli elettori riguardo all’economia, è stato attento a sottolineare che la spesa creerà posti di lavoro per i lavoratori statunitensi, facendo riferimento alla costruzione di missili in Arizona e di proiettili di artiglieria in Pennsylvania, Ohio e Texas.

E ha fatto un cenno a uno dei suoi eroi politici, Franklin Delano Roosevelt, dicendo che “proprio come nella Seconda Guerra Mondiale”, il Paese sta “costruendo l’arsenale della democrazia e servendo la causa della libertà”.

Biden si trova ad affrontare una serie di sfide impegnative nel tentativo di assicurarsi i fondi. La Camera rimane nel caos perché la maggioranza repubblicana non è riuscita a scegliere uno speaker che sostituisca Kevin McCarthy, estromesso più di due settimane fa.

Inoltre, i repubblicani conservatori si oppongono all’invio di ulteriori armi all’Ucraina, la cui battaglia contro l’invasione russa si avvicina al traguardo dei due anni.

La precedente richiesta di finanziamento di Biden, che includeva 24 miliardi di dollari per aiutare i prossimi mesi di combattimentiè stata eliminata dalla legislazione di bilancio il mese scorso, nonostante un appello personale del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Ci saranno resistenze dall’altra parte dello spettro politico quando si tratterà di assistenza militare per Israele, che ha bombardato la Striscia di Gaza in risposta all’attacco di Hamas del 7 ottobre. I critici hanno accusato Israele di uccidere indiscriminatamente i civili e di commettere crimini di guerra tagliando i rifornimenti essenziali, come cibo, acqua e carburante.

Il sostegno bipartisan a Israele si è già eroso negli ultimi anni, in quanto i Democratici progressisti sono diventati più espliciti nella loro opposizione all’occupazione pluridecennale del Paese del territorio palestinese, che è ampiamente considerata illegale dalla comunità internazionale.

Ci sono voci di disaccordo anche all’interno dell’amministrazione di Biden: Josh Paul, un funzionario del Dipartimento di Stato che supervisionava l’ufficio di collegamento con il Congresso che si occupava della vendita di armi straniere, si è dimesso a causa della politica degli Stati Uniti sui trasferimenti di armi a Israele.

“Non posso lavorare a sostegno di una serie di importanti decisioni politiche, tra cui quella di fornire più armi a una delle parti in conflitto, che ritengo miopi, distruttive, ingiuste e contraddittorie con i valori che pubblicamente sposiamo”, ha scritto in una dichiarazione pubblicata sul suo account LinkedIn.

Il discorso di Biden dallo Studio Ovale

Un discorso dallo Studio Ovale è una delle piattaforme più prestigiose che un Presidente possa avere, un’opportunità per cercare di catturare l’attenzione del Paese in un momento di crisi. Le principali reti televisive hanno interrotto la normale programmazione per trasmettere il discorso in diretta.

studio ovale della Casa Bianca
Foto | Wikimedia Commons @White House – Newsby.it

Biden ha tenuto solo un altro discorso di questo tipo durante la sua presidenza, dopo che il Congresso aveva approvato una legge di bilancio bipartisan per evitare un default sul debito del Paese.

La Casa Bianca e altri alti funzionari dell’amministrazione, tra cui la direttrice dell’Office of Management and Budget Shalanda Young, hanno informato in silenzio i principali legislatori negli ultimi giorni sui contorni della richiesta di finanziamento supplementare prevista.

Il Senato democratico intende muoversi rapidamente sulla proposta di Biden, sperando che crei pressione sulla Camera controllata dai repubblicani affinché risolva il suo dramma di leadership e torni a legiferare.

Tuttavia, anche all’interno del Senato ci sono disaccordi su come procedere. Otto repubblicani, guidati dal senatore del Kansas Roger Marshall, hanno dichiarato di non voler combinare l’assistenza all’Ucraina e a Israele nella stessa legislazione.

“Si tratta di due conflitti separati e non correlati e sarebbe sbagliato far leva sul sostegno agli aiuti a Israele nel tentativo di far passare il traguardo di ulteriori aiuti all’Ucraina”, hanno scritto in una lettera.

Il senatore del North Dakota Kevin Cramer ha dichiarato di essere d’accordo con la proposta, a patto che ci sia anche un nuovo sforzo per affrontare le questioni di confine. Ma ha detto che “deve essere progettato per rendere sicuro il confine, non per facilitare i viaggi attraverso il confine”.

Sebbene ci sia stata una tregua negli arrivi di migranti negli Stati Uniti dopo l’inizio delle nuove restrizioni in materia di asilo a maggio, il mese scorso gli attraversamenti illegali hanno raggiunto una media giornaliera di oltre 8.000 persone.

Il senatore Chris Murphy, democratico del Connecticut, a capo di una commissione del Senato che sovrintende ai finanziamenti per il Dipartimento di Sicurezza Nazionale, si è detto diffidente nei confronti di qualsiasi tentativo di revisione della politica di confine durante il dibattito sulla spesa.

“Come faremo a risolvere le nostre divergenze sull’immigrazione nelle prossime due settimane?”. ha detto Murphy. “Questa è una legge di finanziamento supplementare. Nel momento in cui si inizia a caricarla di politiche, sembra un piano destinato a fallire”.

La decisione di Biden di includere nella sua proposta i fondi per l’Indo-Pacifico è un cenno al potenziale di un altro conflitto internazionale. La Cina vuole riunificare l’isola autogestita di Taiwan con la terraferma, un obiettivo che potrebbe essere realizzato con la forza.

Sebbene le guerre in Europa e in Medio Oriente siano state le preoccupazioni più immediate per la politica estera degli Stati Uniti, Biden considera l’Asia come l’arena chiave nella lotta per l’influenza globale.

La strategia di sicurezza nazionale dell’amministrazione, pubblicata lo scorso anno, descrive la Cina come “la sfida geopolitica più importante per l’America”.

Impostazioni privacy