Awkward Moments Day, che cos’è? I segreti del giorno più imbarazzante dell’anno

I momenti imbarazzanti riguardano tutti
Foto Pexels | Nirav
newsby Alessandro Bolzani18 Marzo 2022


Le figuracce fanno parte della vita e chi ha ideato Awkward Moments Day lo sa bene. È un dato di fatto inconfutabile e bisogna imparare ad accettarlo e a farsi meno problemi. A tutti è capitato almeno una volta di ricambiare il saluto di uno sconosciuto per strada solo per scoprire che si stava rivolgendo a qualcuno alle proprie spalle. Ma la lista dei momenti tanto imbarazzanti quanto comuni è lunghissima e comprende goffe cadute, gambe immerse in pozzanghere più profonde del previsto, nomi dimenticati o storpiati ed escrementi di cane visti solo quando era troppo tardi per evitarli. E tornando con la memoria ai tempi delle scuole elementari chi può dire, in tutta onestà, di non aver mai chiamato la maestra “mamma”?

Awkward Moments Day, la giornata dedicata alle figuracce

Viene istintivo nascondere questi momenti imbarazzanti e non parlarne mai, ma a conti fatti non c’è nulla di male nel raccontare qualcosa che accomuna tutti. È con questo spirito che nasce l’Awkward Moments Day, la giornata dedicata alla condivisione delle figuracce, che ogni anno si celebra il 18 marzo.

Un momento imbarazzante
Foto Pixabay | TemperateSage

Nessuno sa di preciso come sia nata questa ricorrenza, ma il fatto che cada il giorno dopo San Patrizio induce a pensare che le sue origini potrebbero essere legate all’alcol e alle classiche figuracce che si fanno da ubriachi. Chiunque abbia creato questa “festa” ha dato agli altri il pretesto perfetto per smetterla di rimuginare su un momento imbarazzante e condividerlo con gli altri per farsi quattro risate.

L’Awkward Moments Day invita a ridimensionare sentimenti negativi come la vergogna e l’eventuale rabbia e a vedere il lato comico in quelle situazioni assurde che ogni tanto capita di vivere. Dopotutto, ascoltare delle storie imbarazzanti del tutto simili alla nostra ci aiuta a capire che nessuno è immune alle figuracce e che dopotutto la vita sarebbe più noiosa senza dei momenti simili.

Come tante altre feste, anche l’Awkward Moments Day si può vivere sui social senza il minimo problema. Basta utilizzare l’hashtag #AwkwardMomentsDay per condividere con gli altri i momenti più imbarazzanti che si sono vissuti, magari scegliendo quelli più assurdi o divertenti. Nulla vieta di farlo anche di persona, magari con amici o colleghi, ma forse parlarne online può essere ancora più utile per rendersi conto di non essere soli.

Scivolata imminente
Foto Pixabay | succo

Leggendo le testimonianze legate all’hashtag chiunque si ritroverà a pensare “dai, in fondo c’è a chi è andata peggio!” o “ma allora è successo anche a qualcun altro!”. Perché saremo anche tutti diversi, ma alcune cose ci accomunano e le figuracce fanno parte di questo piccolo elenco.


Tag: Awkward Moments Day