Sos Frutta, Coldiretti: “In Italia prezzi non competitivi rispetto al resto d’Europa”

A lanciare un vero e proprio Sos è stato Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte: "Servono 4 kg di mele per potersi pagare un caffè al bar"

newsby Sara Iacomussi22 Novembre 2022



In Piazza Castello, a Torino, è andata in scena una protesta di Coldiretti Piemonte a causa delle difficoltà che sta attraversando il settore dell’agricoltura. A lanciare un vero e proprio Sos è stato Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte: “Oggi siamo nel cuore di Torino per lanciare un sos per la situazione della frutta e dei frutticoltori, servono 4 kg di mele per potersi pagare un caffè al bar“, le sue parole.

E ancora: “Così rischiamo la chiusura di un patrimonio del Piemonte. Bisogna far rispettare il decreto sulle pratiche commerciali sleali. La legge dice che è vietato comprare dai produttori al di sotto del prezzo di produzione e la gdo sta ignorando il tutto. In Spagna i primi cento giorni di lavoro sono a contributi zero, quindi un lavoratore costa la metà di quanto costi in Italia, siamo davanti a delle differenze così alte da rendere il nostro Paese non competitivo rispetto al resto d’Europa”, ha aggiunto.

Disastro mele: “Produrre 1 kg costa 50 cent ma vengono rivendute a 20”


Sempre da Piazza Castello è intervenuto il tecnico frutticolo Sergio Bunino. “Quest’anno la frutta viene sottopagata: per produrre un kg di mele ci vogliono 50 centesimi, all’ingrosso vengono liquidate a 20 centesimi. I costi di produzione sono aumentati per l’aumento dei costi delle materie prime, non si può più andare avanti in questo modo. L’area del Piemonte è diventata per importanza il secondo produttore di mele, dopo il Trentino, è una Regione con un’importanza notevole. Abbiamo una vocazionalità molto alta dovuta allo sbalzo termico tra notte e giorno“, le sue parole.

Il governatore Cirio paga un caffè con 4 kg di mele


Al termine della protesta, il governatore del Piemonte Alberto Cirio e il presidente di Coldiretti Piemonte sono andati insieme al bar e hanno pagato un caffè 4 kg di mele. “Coldiretti ci ha invitato a prendere il caffè per comunicare davvero quella che è la crisi del mondo della frutticoltura, abbiamo pensato fosse importante dare questo segnale. Nella borsa ci sono 4 kg di mele, per prendere un caffè paghiamo con questi 4 kg di mele perché valgono un caffè“, ha detto Cirio.


Tag: AgricolturaColdirettiPiemonteTorino