Scoperta in Norvegia una “casa lunga” risalente all’epoca dei Vichinghi

La "casa lunga" si trova nella stessa area in cui nel 2018 fu portata alla luce un'antichissima nave vichinga

Scoperta in Norvegia casa lunga risalente ai vichinghi
Foto Wikimedia Commons
newsby Linda Pedraglio10 Dicembre 2021


Gli archeologi hanno scoperto alcuni edifici di epoca vichinga nei pressi del villaggio norvegese di Gjellestad. Note come “longhouse” o “case lunghe”, le antichissime dimore vichinghe risalirebbero all’età del ferro. Tra il 1200 a.C. e il 600 a.C., pare, infatti, che questo antico villaggio norvegese fosse un importante crocevia per il popolo vichingo. “Trovare queste longhouse conferma che Gjellestad era un luogo centrale nella tarda età del ferro“, ha affermato l’archeologo Lars Gustavsen del Norwegian Institute for Cultural Heritage Research.

Scoperta in Norvegia casa lunga di età vichinga

Gli archeologi hanno identificato ben cinque case lunghe grazie all’utilizzo di un radar che penetra nel terreno. La più grande misura quasi 60 metri rendendola una delle più grandi in tutta la Scandinavia. Si ritiene infatti che una tipica casa dell’età del ferro misurasse all’incirca 20 metri di lunghezza. Le dimensioni della dimora erano proporzionali alla ricchezza e all’influenza del suo proprietario. Ancora non hanno scoperto chi risiedesse nella lussuosa dimora vichinga, ma le sue dimensioni costituiscono una prova ulteriore dell’importanza del villaggio in epoca vichinga. Probabilmente, si tratta di un’antica “Sala dell’idromele“, quindi la casa lunga utilizzata dal signore, sia come dimora per sé e per la propria famiglia, sia come fulcro politico della comunità. Qui si radunavano i guerrieri e si imbandivano i banchetti celebrativi.

Si trova nei pressi della “Nave Gjellestad”

Non sappiamo quanti anni abbiano le case o quale funzione avessero. Scavi archeologici e datazioni ci aiuteranno a ottenere una risposta“. Lo afferma Sigrid Mannsåker Gundersen, un’archeologa della squadra. Tuttavia, ci sono molte prove da esaminare. Nello stesso sito sono stati trovati diversi tumuli funerari, insieme a una nave scoperta nel 2018.

Soprannominata “nave Gjellestad”, l’imbarcazione è stata intenzionalmente collocata sotto quel campo, in una nota pratica di sepoltura navale, riservata ai nobili più in vista della società vichinga. Il governo norvegese ha stanziato 1,5 milioni di dollari in finanziamenti per portare alla luce la nave. Si tratta, infatti, di uno dei pochi esempi sopravvissuti di questa antica pratica funeraria. I resti della nave vichinga furono trovati a circa mezzo metro sotto terra. Uno studio successivo della chiglia rivelò che era fatta di quercia cresciuta tra il 603 e il 724. Pertanto, la nave risale molto probabilmente al periodo di transizione all’era vichinga.

 


Tag: Casa lungaNorvegiaVichinghi