TikTok e il gesto per chiedere aiuto in caso di violenza: di cosa si tratta

Una sedicenne si è salvata negli Usa grazie a un gesto imparato su Tik Tok per chiedere aiuto in caso di violenza domestica

Tik Tok e il gesto per chiedere aiuto
Foto Canadian Women's Foundation
newsby Linda Pedraglio8 Novembre 2021


Una sedicenne scomparsa in Carolina del Nord si è salvata grazie a un gesto della mano noto su TikTok per chiedere aiuto in caso di violenza domestica. Secondo la polizia del Kentucky, la ragazza di Asheville è stata rapita martedì, quando i genitori ne hanno denunciato la scomparsa. Due giorni dopo, un automobilista ha chiamato il 911, dicendo di aver visto una ragazza in pericolo in un veicolo sull’autostrada. La giovane in ostaggio è riuscita ad attirare l’attenzione dell’automobilista riproducendo i gesti che aveva imparato su TikTok per chiedere aiuto in caso di violenza domestica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da newsby.it (@newsby.it)

TikTok, il gesto per denunciare una violenza

Il gesto della mano consiste in un segno facile da eseguire e riconoscibile, secondo la Canadian Women’s Foundation. Chi lo vuole usare deve mostrare il palmo della mano, abbassare il pollice e chiudere la mano a pugno, come intrappolando il pollice. La giovane aveva appreso il gesto su TikTok, almeno secondo quanto riferisce la polizia del Kentucky. La persona che ha chiamato il 911 ha seguito il veicolo per sette miglia trasmettendo informazioni alla polizia, secondo WYMT. La polizia è riuscita a fermare l’auto e a soccorrere la giovane.

 Chi ha rapito la sedicenne di Asheville

La polizia ha arrestato James Herbert Brick, 61 anni, originario di Cherokee in Carolina del Nord. Due giorni prima del ritrovamento, martedì, i genitori avevano denunciato alla polizia la scomparsa della ragazza nella loro città Asheville, in Carolina del Nord. La sedicenne avrebbe viaggiato insieme allo sconosciuto, dopo essere stata rapita, attraverso quattro diversi Stati: Carolina, Tennessee, Ohio e Kentucky. “Non sappiamo per quanto tempo abbia ripetuto il gesto in autostrada, ma alla fine qualcuno l’ha riconosciuto“, ha detto il vice dello sceriffo della contea di Laurel Gilbert Acciardo a WYMT. La polizia ha arrestato l’uomo giovedì con l’accusa  ha accusato di detenzione illegale e possesso di materiale pedopornografico.


Tag: Tik-TokViolenza