‘Perché guariremo’, che fine ha fatto il libro di Speranza? | Su eBay a prezzi folli

Nel pieno della pandemia, il libro del ministro della Salute, Roberto Speranza, scatenò l’ira di parte della classe politica e fu ritirato. Le copie superstiti raggiungono cifre stellari sul web

copertina libro Speranza
Foto | Feltrinelli
newsby Alessandro Boldrini23 Marzo 2022


Sono passati 16 minuti dalle 8 del mattino di domenica 20 settembre 2020. Mentre, fra mille precauzioni per la pandemia, gli italiani si recano alle urne per le elezioni amministrative e il referendum sul taglio dei parlamentari, sulla pagina Facebook del ministro della Salute, Roberto Speranza, compare un post destinato a scatenare più di una polemica.

“Oggi più che mai serve favorire un grande dibattito nel Paese sul futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale, la cosa più preziosa che abbiamo. Per questo sto raccogliendo in un testo le mie idee e le mie esperienze di questi mesi, anche alla luce della lezione del Covid”. Con queste parole Speranza annuncia infatti l’imminente pubblicazione di un suo libro con Feltrinelli. Il titolo è ‘Perché guariremo. Dai giorni più duri a una nuova idea di salute’ e parla della dura sfida contro il Covid-19 che il Governo italiano – allora guidato da Giuseppe Conte – aveva dovuto affrontare nei mesi precedenti. Peccato che la pandemia non fosse finita e, anzi, fosse pronta a colpire ancor più duramente con una nuova ondata. Il risultato? Polemiche asprissime e volume ritirato dalle librerie. Tranne alcune copie superstiti, reperibili ancora oggi: vediamo dove.

Il libro di Speranza venduto su eBay a prezzi folli: si sfiorano i mille euro

Tra i critici più agguerriti spicca sicuramente il leader della Lega, Matteo Salvini, che definì il libro di Speranza una “figuraccia mondiale”. E non mancò neppure di informare il mondo su questo avvenimento nel corso di un briefing con la stampa estera. Alcuni mesi più tardi, nell’aprile 2021, ritornò poi sull’argomento, parlando di “volgarità e arroganza”: “Secondo me è giusto che gli italiani leggano cosa il loro ministro della Salute stava ipotizzando in piena pandemia”.

libro Speranza
Foto | Newsby

Poi alcune parole che, col senno di poi, suonano profetiche: “Ora penso che valga 500 euro sul mercato nero…”. Se non di più. Basta infatti cercare sul popolare sito di vendita online eBay, dove le copie superstiti del libro di Speranza sono all’asta a prezzi folli. I più “fortunati” possono acquistarne una per la modica cifra di 114,90 euro; più 6,90 euro di spedizione, che tutto sommato non sono un problema.

LEGGI ANCHE: Deltamicron, cosa sappiamo esattamente della variante ibrida del Covid

Inversamente proporzionale alla scarsità degli annunci è la crescita del prezzo, che in alcuni casi va ben al di là dei 500 euro ipotizzati da Salvini: 850, se non addirittura 990 euro. In alcuni annunci gli inserzionisti insistono sul fatto che il libro di Speranza sia “Nuovo”, una “Prima edizione” – nonché l’unica – e “Raro”. Tanto basta per giustificarne la vendita a prezzi astronomici.

LEGGI ANCHE: Covid, un anno fa i vaccini davano speranza. Oggi Omicron 2 spaventa

Ma di cosa parla, esattamente, il tanto discusso libro di Speranza? È il ministro stesso a dircelo nella prefazione, ultima traccia tangibile dell’esistenza di questo testo. A meno che non siate disposti a sborsare centinaia di euro per accaparrarvene una delle rarissime copie rimaste, sia chiaro. Il tema sono i tagli alla sanità pubblica che nei decenni hanno caratterizzato l’azione della classe dirigente e come questi si siano abbattuti come un boomerang durante l’emergenza Covid.

libro Speranza
Foto Facebook | Roberto Speranza

Meritiamo un Paese sano – si legge –. Meritiamo un’Italia libera dalle disuguaglianze economiche, sociali e territoriali, in cui nessuno resti indietro. Meritiamo una nuova stagione di riforme senza tagli, ma al contrario con una decisa politica di investimenti. Questa è la lezione del Covid, appresa lungo i mesi durissimi di una pandemia che continua a imporci attenzione, regole, sacrifici. Con i quali, ancora oggi, continuiamo ad avere a che fare.


Tag: Covid-19Roberto Speranza