Frana a Ischia: tragedia prevedibile? L’ultimo episodio simile nel 2009

La causa è il maltempo, ma nell'area non è la prima volta che fenomeni climatici eccezionali scatenano frane che causano la perdita di vite umane

Le conseguenze della frana a Casamicciola Terne
Foto | Newsby
newsby Jennifer Caspani28 Novembre 2022


Sono morte almeno otto persone nella frana che all’alba di sabato 26 novembre ha colpito Casamicciola Terme, un comune di poco più di 7mila abitanti nel nord dell’isola di Ischia, in Campania. Tra queste un neonato. Cinque, invece, sono i dispersi. Sono i dati riferiti dal prefetto di Napoli, Claudio Palomba, al termine della riunione del Centro Coordinamento Soccorsi, tenutasi ieri. Cresce anche il numero degli sfollati. Stando ai dati aggiornati a domenica sera, se ne contano circa 230. La causa è il maltempo, ma nell’area non è la prima volta che fenomeni climatici eccezionali scatenano frane che causano la perdita di vite umane.

Frana a Ischia: causa

La frana è avvenuta intorno alle 5 di mattina di sabato, quando un fiume di fango e detriti ha colpito Casamicciola Terme. Partita dall’apice del monte Epomeo, alle spalle della frazione dell’isola, ha raggiunto il lungomare travolgendo auto, persone e strade e causando il crollo di almeno 10 edifici. La causa? Un forte nubifragio. Secondo le stime del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), tra la mezzanotte del 25 novembre e le 6 del mattino di sabato sono caduti intorno a Casamicciola 126 millimetri di pioggia. Per la zona è il valore più alto degli ultimi vent’anni, cioè da quando si ha accesso a Ischia ai dati dei pluviometri.

L’ultimo episodio simile nel 2009

Come detto, purtroppo, tragedie e fenomeni simili non sono una novità nella zona di Casamicciola Terme. I dati del catalogo gestito da Cnr-Irpi evidenziano come in quest’area si siano già verificate frane che hanno causato perdita di vite umane. Nel 2009, sempre nel mese di novembre, una colata di fango e detriti, sempre scatenata da una frana venuta giù dal monte Epomeo, ha travolto e ucciso una ragazza quattordicenne.
In anni meno recenti, nel 1910, durante un evento molto intenso, alluvioni con elevato trasposto solido, crolli e numerosi dissesti diffusi causarono 11 morti. Una vittima registrò anche nel 1987, quando un crollo di roccia distrusse un ristorante.


Tag: Ischia