Firenze, riaprono le discoteche. Mannini del Tenax: “Siamo pronti”

Da venerdì 11 febbraio hanno ufficialmente riaperto le discoteche in Italia per il sollievo dei titolari: "Capienza al 50% limitante, ma siamo pronti, in due anni perso l'80% del fatturato"

newsby Emanuele De Lucia12 Febbraio 2022



Da venerdì 11 febbraio 2022, oltre allo stop della mascherina all’aperto anche le discoteche italiane sono tornate ad aprire i battenti. L’ordinanza del Ministero della Salute che inibiva “attività che si svolgono in sale da ballo, discoteche e locali assimilati” è scaduta e non è stata  prorogata. Potrà entrare in discoteca solo chi ha il green pass rafforzato. Inoltre per avere accesso ai locali sarà obbligatoria la mascherina, da tenere sul viso in ogni momento tranne che per consumare cibi e bevande. Per quanto riguarda la capienza, il limite non potrà superare il 75% per le discoteche all’aperto ed il 50% per quelle al chiuso.

Discoteche: “In due anni perso l’80% del fatturato”

Anche a Firenze si vive il primo weekend di discoteche aperte dopo mesi di stop. Come molti altri locali Anche il Tenax si prepara al primo weekend danzante. : “Siamo pronti a ripartire. Il Governo ha deciso di anticipare questa ripartenza, vista la diminuzione dei contagi, togliendo il cosiddetto decreto festività che approvava la nostra chiusuraha dichiarato Marco Mannini, socio della discoteca.

Accettiamo il limite di capienza del 50%, anche se è molto limitativo per le nostre aziende. In due anni abbiamo perso l’80% del nostro fatturato, forse anche il 90. Abbiamo lavorato solamente due mesi. Il fatturato di dicembre e gennaio dove ci sono festività importanti, nonché l’evento di Pitti, rappresentano perdite molto ingenti. Le norme sono abbastanza stringenti. Chiaramente i 2 metri di distanziamento sono difficili da far rispettare, invece l’uso della mascherina va bene, gli stessi clienti sono abbastanza attenti. Stesso discorso vale per il green pass rafforzato” ha concluso.

 


Tag: apertura discotecheCovidFirenze