Europei e Mondiali, quando i festeggiamenti sfociano in tragedia

Nella notte, una sparatoria nel Foggiano e un cadavere riaffiorato dalle acque a Venezia. Come nel 2006 i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia si lasciano alle spalle incidenti, morti e feriti

Europei e Mondiali, quando i festeggiamenti sfociano in tragedia
Europei e Mondiali, quando i festeggiamenti sfociano in tragedia
newsby Alessandro Boldrini12 Luglio 2021


Euro 2020 come i Mondiali 2006. Non solo per lo stesso esito, il trionfo della Nazionale italiana nelle due competizioni calcistiche, ma anche per il bilancio – tragico – dei festeggiamenti post partita. Il che lascia spazio a un’amara considerazione: fino a che punto può spingersi la gioia per una vittoria sportiva?

Festeggiamenti a Milano, 23enne aggredito sotto casa

Come 15 anni fa, infatti, anche ieri sera non sono mancati morti e feriti. A Milano, in piazza Duomo, sono state soccorse 15 persone rimaste ferite. Tre sono gravi: si tratta di tre ventenni ricoverati d’urgenza, due dei quali in codice rosso per lesioni varie, comprese quelle da bombe carta.

Un ragazzo di 23 anni è stato invece aggredito sotto casa in via Torino, sempre a Milano, perché indossava la maglia di Barella, giocatore dell’Inter. Un altro giovane si è avvicinato e nel tentativo di strappargli la divisa lo ha colpito prima con un pugno in gola e poi con altri colpi in testa. In mattinata, in ospedale è stato sottoposto a una Tac di controllo.

Agguato mortale nel Foggiano durante i festeggiamenti

A San Severo, nel Foggiano, alcuni colpi di pistola calibro 7,65 hanno ferito mortalmente al torace un pregiudicato di 42 anni che viaggiava a bordo di uno scooter durante un carosello in strada. Ancora da chiarire, però, se si sia trattato di un agguato (che al momento rimane l’ipotesi più probabile) o di un incidente.

Il 42enne, al momento della sparatoria, non era solo. Assieme a lui, sullo scooter, c’era infatti il nipote di sei anni, anche lui rimasto ferito. Il ragazzino è ora ricoverato in Rianimazione in ospedale in gravissime condizioni. La prognosi è riservata. L’ipotesi è che anche lui sia stato raggiunto da un proiettile all’addome. Sull’accaduto indaga la polizia.

Sempre ieri notte, invece, a Venezia il corpo di un uomo è riaffiorato dalle acque della Laguna in un rio vicino a Campo San Paolo. Ancora da identificare il cadavere, apparentemente di mezza età e che al momento del decesso indossava il costume da bagno. Non si esclude che sia morto durante i festeggiamenti.

Europei 2020 come i Mondiali 2006 tra incidenti e morti

Episodi che riportano la mente alla notte fra il 9 e il 10 luglio del 2006, subito dopo la vittoria, sempre ai rigori, nella finale della Coppa del Mondo giocata contro la Francia. L’indomani le cronache parlarono di diversi interventi per dei feriti e di almeno tre morti.

Il primo in Liguria, nelle acque tra Rapallo e Santa Margherita, dove un ragazzo cadde in mare da un gommone durante i festeggiamenti, senza più riuscire a risalire in superficie. E ancora a Buccino, nel Salernitano, dove un 16enne morì schiacciato dopo il ribaltamento dell’auto sulla quale viaggiava insieme ad alcuni amici.

Poi a Rapolla, in provincia di Potenza, dove una ragazza di 19 anni perse la vita in un incidente stradale mentre rientrava a casa dopo aver festeggiato con dei coetanei la vittoria degli Azzurri a Berlino. Infine scontri e tafferugli, come a Napoli, dove quella notte ci furono oltre 70 interventi del 118 con almeno una decina di codici rossi. Alcuni giovani tifosi rimasero feriti al volto dallo scoppio dei petardi.


Tag: Euro 2020incidenti festa ItaliaMondiali 2006