Compra casa a un euro in Sicilia, ma deve rivenderla per un problema | La storia

Il curioso caso in Sicilia, dove uno chef britannico è costretto a rinunciare all’affare dell’iniziativa ‘Case a 1 euro’: ecco cos’è accaduto

Danny McCubbin Sicilia
Foto Instagram | Danny McCubbin
newsby Alessandro Boldrini4 Aprile 2022


Acquista una casa a solo un euro ma è costretto a rivenderla dopo poco tempo per un problema. L’incredibile vicenda arriva da Mussomeli, paese di poco più di 9mila anime in provincia di Caltanissetta. Lo sfortunato protagonista è lo chef Danny McCubbin, 58enne di origini australiane ma che ha vissuto per 17 anni nel Regno Unito prima di trasferirsi in Sicilia.

McCubbin aveva infatti aderito alla campagna ‘Case a 1 euro’, lanciata da diversi comuni italiani per ripopolare i borghi più piccoli del Belpaese. A idearla fu Salemi, che durante l’Amministrazione comunale di Vittorio Sgarbi decise di mettere in vendita alcuni immobili del proprio comune a un prezzo simbolico tramite un apposito bando. L’iniziativa si è poi diffusa in tutta Italia e ora conta decine di promotori in diverse regioni, come dimostra la mappa degli edifici in vendita che pubblichiamo qui sotto. Ma allora cosa può essere andato storto per lo chef McCubbin? Scopriamolo insieme.

Sicilia, compra casa a un euro ma non trova operai per sistemarla: costretto a rivenderla

Danny McCubbin è noto per le sue azioni benefiche. Oltre ad aver acquistato un’abitazione nel borgo di Mussomeli, è infatti conosciuto sui social come ‘Danny for good’, perché promotore dell’iniziativa ‘The Good Kitchen’, una cucina sociale che offre prodotti di qualità per gli indigenti o per i positivi al Covid-19 in quarantena. La sua volontà, come ha raccontato lui stesso ai tabloid britannici, è sempre stata quella di trasferirsi al Sud Italia e per questo ha colto al volo l’occasione di ‘Case a 1 euro’ in Sicilia nel dicembre del 2020.

Mappa Case a 1 euro
Foto | Case a 1 euro

La campagna, però, prevede degli obblighi specifici. Come ad esempio quello di sostenere tutte le spese per la redazione dell’atto di cessione, ovvero quelle notarili, di registrazione, di voltura e per gli accatastamenti. Inoltre, siccome per la maggior parte si tratta di immobili in rovina, è previsto che il compratore si sobbarchi i costi di ristrutturazione della struttura.

LEGGI ANCHE: Librino: il campo di rugby anti mafia a Catania fa innamorare gli inglesi

Nonostante la buona volontà, proprio la ristrutturazione si è trasformata in un grosso problema per Danny. Perché ogni tentativo di trovare degli operai per sistemare la casa si sono rivelati vani, dato che agli annunci non ha mai risposto nessuno. Nel frattempo, inoltre, le condizioni dell’abitazione sono continuate a peggiorare. Fino a quando lo sfortunato chef è riuscito a trovare una società edile disposta ad eseguire i lavori.

LEGGI ANCHE: Le origini erotiche (ma antiche) del cannolo siciliano

Peccato che, a quel punto, “i costi di ristrutturazione erano raddoppiati. Ho deciso che non ne valeva più la pena, racconta McCubbin ad iNews. Lo chef inglese si è quindi visto costretto a rivendere la casa a un’agenzia immobiliare dopo soli pochi mesi dall’acquisto.

Danny McCubbin Sicilia
Foto Instagram | Danny McCubbin

Alla fine, comunque, Danny McCubbin non ha dovuto rinunciare al suo sogno. Lo chef è infatti rimasto in Sicilia, a Mussomeli, dove è riuscito a trovare un altro immobile a un prezzo relativamente basso (circa 8mila euro), che – dopo la ristrutturazione – ha trasformato nella “casa” della sua ‘The Good Kitchen’.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Danny McCubbin (@dannyforgood)


Tag: Danny McCubbinSicilia