Autore: Redazione

La redazione di newsby è composta da giornalisti e video giornalisti attivi su tutto il territorio nazionale, con presidi su Roma, Milano, Torino, Napoli e, all’estero, a Bruxelles/Strasburgo per i lavori del Parlamento Europeo.

Il brano è disponibile da oggi in pre-save e pre-oder al seguente link: https://martinabeltrami.lnk.to/LuciAccese_Pre. Scritto dalla stessa Martina, con la produzione di Emiliano Bassi, “Luci accese” è un’intensa ed emozionante ballata, dal ritmo crescente e incalzante, che racconta le emozioni e i sentimenti della prima storia d’amore molto importante, che l’autrice ha vissuto con una ragazza: solitudine, rabbia e delusione; ma anche la luce accesa della speranza di poter superare il dolore di questa delusione. Da cosa nasce il singolo: “Luci accese” «”Luci Accese” nasce dall’esigenza personale di dover esprimere un’emozione molto forte. Da poco era finita la relazione con la persona…

Read More

Procedono in modo ordinato, nella stazione di Milano centrale, le procedure per l’accesso ai treni dei passeggeri alla ripresa dei viaggi interregionali. Chi parte è sottoposto al controllo della temperatura con il termoscanner. “Aspettavo questo momento da almeno due mesi”, racconta un ragazzo in partenza per Genova. “Io mi trovavo all’estero e sono dovuto tornare per necessità. Mi ha ospitato mia sorella e fortunatamente non dovevo pagare affitto. Però senza lavoro è stato difficile, sia mentalmente che economicamente”, aggiunge. Una nuova vita: “Ci sentiamo di nuovo liberi” Al bordo di uno dei treni a lunga percorrenza, anche una giovane in…

Read More

Grandine e allagamenti nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 2 giugno, nella Bergamasca. Colpiti in particolare i comuni della Valle Seriana, tra cui Alzano e Nembro, già piegati nei mesi scorsi dall’emergenza coronavirus. A Nembro l’acqua in strada ha bloccato le auto, con lunghe code e ingorghi, che si sono verificati su tutte le strade della Valle Seriana. Una grandine tanto fitta che sembrava neve. Non si segnalano per ora feriti o incidenti.

Read More

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è stato accolto tra gli applausi di medici, infermieri e anche dalla gente comune che lo aspettava al passaggio dell’auto fuori dal cancello, all’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Qui Mattarella ha celebrato il 2 giugno, festa della Repubblica, assistendo ad un concerto in cortile. Dopo l’Inno d’Italia e un breve intervento di Suor Alessandra Smerilli, si sono esibiti il tenore Francesco Grollo e il pianista Antonio Camponogara. L’ultima canzone è stata “Mamma” e il presidente alla standing ovation ha fatto seguire un saluto con il gomito ai musicisti.

Read More

“Io mi limito a sottolineare il significato di questa iniziativa e di questo appuntamento: il ringraziamento per lo Spallanzani, per i suoi medici, per tutto il suo personale, per i ricercatori, per tutto quanto qui si svolge, che in questo momento riceve una maggiore attenzione ma che è importante anche nei momenti di minor attenzione ed è prezioso per il nostro paese”. Ccosì il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del concerto organizzato presso l’Istituto Spallanzani, a Roma, per ringraziare medici e sanitari. “Desidero esprimere un sentimento di gratitudine: il lavoro che qui si svolge per il Paese è…

Read More

“Era giusto ricordare questo 2 giugno dedicandolo agli operatori della sanità, con un pensiero a chi non c’è più, alle vittime del Coronavirus e alle loro famiglie. Ricordando lo sforzo immenso degli italiani”. Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a margine del concerto allo Spallanzani di Roma, alla presenza di Sergio Mattarella. “Adesso inizia un’altra Fase, bisogna tenere alta la guardia – continua Zingaretti – vinceremo anche questa”.

Read More

Saluti romani, esorcismi, insulti al governo e al Presidente della Repubblica, “negazionisti” della pandemia e tanta rabbia. Piazza del Popolo si è colorata di arancione con il movimento dei “Gilet arancioni”, chiamato a raccolta dal generale Pappalardo. Bersagli preferiti: il premier Conte, il presidente della Repubblica, Nicola Zingaretti e anche il Movimento cinque Stelle.

Read More

“Oggi è la festa dei movimenti popolari spontanei venuti qui per impedire che il nostro Paese venga venduto allo straniero e sapete chi è lo straniero? Quel signore li che si trova a palazzo Chigi, Giuseppe Conte”. Così il leader del movimento dei Gilet Arancioni, Antonio Pappalardo. “Oggi piangiamo 35 mila morti di Coronavirus per colpa sua, ci costringono a stare con le mascherine ma in tanti si stanno ammalando per colpa delle mascherine. Ieri ero a Milano, mi sono abbracciato con la gente e mi hanno detto: e se ti prende il Coronavirus? Venga – ho risposto- venga pure…

Read More

Un momento di commozione, che ha l’ha portata a pronunciare le prime parole con difficoltà per il tenente della Croce Rossa Giovanna Boffelli, che ha dato il saluto a nome di tutto il volontariato di Codogno al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel municipio della città. La voce rotta dalla commozione quando ha ringraziato il Capo dello Stato per la visita in un territorio “così duramente provato dall’emergenza epidemiologia tuttora in corso”.

Read More

Al cimitero di Codogno per deporre una corona di fiori per le vittime del coronavirus in occasione del 2 giugno, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è stato accolto dagli applausi di molte persone arrivate per vederlo e per dirgli “grazie”. Gli abitanti di Codogno hanno salutato il Capo dello Stato applaudendo e gridando “presidente, presidente” e “Codogno, Codogno”. Il presidente ha ricambiato i saluti e l’affetto tenendosi, però, a debita distanza.

Read More