Autore: Andrea Corti

Nato a Roma nel 1978, dopo essersi dedicato al giornalismo scritto e ad aver pubblicato alcune biografie di personaggi dello sport come Zeman e Zanardi, ormai da anni è ‘sul campo’ con la telecamera in una mano e il microfono nell'altra. Dalle partite di calcio alle consultazioni per la formazione del governo, sempre con passione ed entusiasmo.

La ripartenza del calcio in Germania sembrava aver dato la spinta definitiva, di riflesso, anche alla rimessa in moto del calcio italiano ma le restrizioni agli allenamenti collettivi, di fatto confermate fino a nuovo ordine in attesa di un protocollo condiviso, hanno frenato gli entusiasmi. A fare il punto della situazione dalla prospettiva dei calciatori è il vicepresidente dell’Aic, Umberto Calcagno, che ha confermato la voglia di ricominciare ma anche i dubbi sul protocollo stesso. Protocollo Figc, le questioni ancora in sospeso “Il protocollo proposto dalla Figc è un passo in avanti – ha dichiarato Calcagno -, supera alcune criticità…

Read More

Tra le attività che hanno riaperto questa mattina in seguito alle nuove normative previste da Governo e Regioni per la Fase 2 ci sono anche i circoli sportivi, sebbene solo per le attività individuali. “Questo è un grande giorno”, ha detto il presidente del Due Ponti Sporting Club di Roma, Emanuele Tornaboni, “La Regione Lazio ha dato l’autorizzazione di riaprire le attività sportive singolarmente: quindi nei circoli sportivi come il nostro, si può giocare a tennis e fare attività sportiva all’aperto singolarmente in questo inizio di Fase 2. Una grossa riapertura. Poi la data fatidica sarà quella del prossimo 25…

Read More

Dal lavoro di imprenditore in ufficio a quello di bracciante a Corcolle, alle porte di Roma. Questa la radicale scelta di Massimiliano Cassina, che dopo essere stato costretto a chiudere la sua azienda tessile ha trovato un nuovo lavoro. Di cui si dice assolutamente contento: “Ho scoperto l’odore della terra, che mi piace. E’ bello vedere la pianta che cresce. Veramente, ho capito che siamo nati così”. Dall’azienda ai campi L’ex imprenditore racconta quindi la sua storia personale: “Avevo una mia azienda, sono un imprenditore da tanti anni. Dopodiché, con l’avvento della mummificazione del sistema italiano che non permette di…

Read More

La Serie A mai così vicina alla ripartenza, con diversi problemi che però potrebbero metterne a repentaglio il proseguimento. Questo è in sintesi il pensiero del presidente del Coni, Giovanni Malagò, che ne ha parlato in conferenza stampa al termine della giunta cui ha partecipato anche il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. La ripartenza della Serie A e i dubbi E a questo punto la Serie A potrebbe davvero ripartire a breve. “Personalmente ritengo che, dopo tutti gli sforzi fatti, ci siano grandi possibilità che il campionato possa ricominciare nella data che è stata indicata – ha dichiarato Malagò -.…

Read More

Tra le tante conseguenze che la crisi del Coronavirus sta avendo sulla vita di tutti i giorni c’è l’aumento delle persone che si rivolgono al banco dei pegni per ottenere liquidità immediata. Dalla crisi Coronavirus al banco dei pegni “Se hai dei valori a casa e ti servono soldi – ha spiegato un uomo in attesa in piazza Monte di Pietà a Roma – li porti qui e ti fanno un prestito su pegno. Poi o lo rinnovi o riscatti i valori. C’è gente che lo fa in modo ripetitivo, c’è gente che lo fa una tantum a seconda delle…

Read More

Aumentano le speranze di ripartenza per il calcio italiano dopo l’emergenza coronavirus. Mentre in Germania la ripresa della Bundesliga è stata fissata per il prossimo 16 maggio e la Ligue 1 in Francia è terminata, in Italia non si conosce ancora il destino della Serie A. Un’indicazione preziosa arriva dalle parole di Marco Santini, direttore della clinica Villa Stuart, centro medico di eccellenza Fifa. Villa Stuart: “Con test sierologici e tamponi si può ripartire” “Il test sierologico ci dà delle indicazioni sulla circolazione del virus all’interno del gruppo al cui interno se ne studia la presenza, mentre il tampone ci…

Read More

Federico Stefani, insieme a Giuseppe Milan e Paolo Addamo, ha dato vita alla startup Vaia, che ha realizzato e commercializzato degli altoparlanti passivi ricavati dagli alberi abbattuti dall’omonima tempesta nell’ottobre 2018. “La tempesta Vaia ha abbattuto con la sua forza 42 milioni di alberi, per un danno di 4 miliardi di euro. Un intero ecosistema che è stato spazzato via in una notte. Io sono trentino e vivo in quelle zone. Ero stato profondamente scosso da quanto era successo e ho pensato di riutilizzare quegli alberi che erano caduti. Così ho chiamato due miei carissimi amici dell’Università, chiedendo loro di…

Read More

Lo sport deve ripartire dopo l’emergenza coronavirus. Anche il presidente del Comitato paralimpico italiano, Luca Pancalli, ne è convinto. Segnali confortanti in questo senso sono arrivati nel corso di una riunione in videoconferenza con il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, e il presidente del Coni, Giovanni Malagò. “È stata una riunione particolarmente proficua e interessante -spiega Pancalli -. Ci siamo confrontati sui provvedimenti del prossimo decreto ‘Rilancio Italia’ riguardanti il comparto sport. Sono diversi gli aspetti nei quali occorre l’intervento del governo per favorire il rilancio del mondo sportivo. Si sta pensando non tanto e non solo ai provvedimenti che…

Read More

I club di Lega Pro hanno raggiunto l’accordo per chiedere al Consiglio della Figc lo stop definitivo alla stagione di Serie C 2019/20 a causa dell’emergenza coronavirus. Ora, a pronunciarsi in via definitiva dovrà essere il Consiglio federale. Della decisione ha parlato il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli: “Siamo in enorme difficoltà. Ho riunito 60 medici delle società e mi hanno fatto capire come la struttura medica non tenga. Il primario di terapia intensiva dell’ospedale di Bergamo, che è il medico dell’Albinoleffe, mi ha fatto capire come ci fosse la possibilità di trasmettere il virus dal suo reparto. Le…

Read More

Dopo la conferma del nuovo calendario del ciclismo internazionale, al momento fermo per l’emergenza coronavirus, e lo spostamento del Giro d’Italia dal 3 al 25 ottobre, traspare soddisfazione dai responsabili di Rcs Sport, organizzatori della Corsa Rosa. “Penso che sia un ottimo esercizio di equilibrismo in cui con tutti gli stakeholder del ciclismo, dall’Uci alle squadre ai comitati organizzatori, siamo riusciti a ottenere un compromesso accettabile per comprimere un calendario di sei-sette mesi in due mesi e mezzo” ha dichiarato Paolo Bellino, amministratore delegato di Rcs Sport. Sovrapposizioni inevitabili Il calendario compresso costringerà a inevitabili sovrapposizioni, come quella tra le…

Read More